Mercati: il dollaro è morto, lunga vita al dollaro

Di tanto in tanto, una storia su un Paese che cerca di diversificarsi allontanandosi dal dollaro USA dà il via a una frenesia per l’inevitabile crollo del dominio del dollaro.

Naturalmente, questi hanno fornito un terreno fertile per bug d’oro, crypto, verità sull’iperinflazione, tecno-libertari, antimperialisti (leggi: zeloti anti-USA) e truffatori ordinari per alimentare la paura per l’imminente del dollaro morte e le sue presunte conseguenze catastrofiche per gli Stati Uniti e l’economia globale.

Ma anche i media mainstream e gli analisti intelligenti e ben intenzionati sono stati travolti dall’attuale ondata di isteria.

I profeti di sventura offrono numerose ragioni per la scomparsa del dollaro. Indicano tutto, dalla fulminea ascesa della Cina a superpotenza e dall’emergente multipolarità del sistema globale, alla stagnante crescita della produttività americana, ai deficit fiscali cronici, all’espansione monetaria, al crescente peso del debito, alle guerre commerciali, alla fragilità tecnologie come le valute digitali della banca centrale e le criptovalute.

Le voci sulla morte del dollaro sono esagerate

Seguendo la maggior parte delle misure di utilizzo, il dollaro rimane incontrovertibilmente dominante nel commercio e nella finanza globali, anche se un po’ meno rispetto al suo apice.


Mentre la maggior parte delle valute viene utilizzata solo a livello nazionale o in transazioni transfrontaliere che coinvolgono direttamente l’emittente della valuta, il dollaro continua ad essere ampiamente utilizzato per finanziamenti, determinazione dei prezzi, fatturazione commerciale e regolamento e prestiti e prestiti transfrontalieri anche quando gli Stati Uniti non sono coinvolto .

Sebbene la quota del dollaro nelle riserve valutarie di 12 trilioni di dollari delle banche centrali sia effettivamente diminuita dal 1999, è ancora quasi il doppio di quella di euro, yen, sterlina e yuan messi insieme – lo stesso di dieci anni fa. Il suo concorrente più vicino per lo status di valuta globale, l’euro, rappresenta appena il 20% delle riserve della banca centrale rispetto al 58% del dollaro, seguito dallo yen giapponese al 5%. Il tanto decantato yuan cinese è molto indietro, con meno del 3% delle riserve valutarie.


Perfino la Cina, in un ambiente di intensificazione della competizione geopolitica con gli Stati Uniti e avendo appena assistito all’armamento del dollaro da parte di Washington contro la Russia, non ha avuto altra scelta che continuare ad accumulare attività denominate in dollari.

Perché il dominio del dollaro è rimasto così “appiccicoso”?

In gran parte, è perché l’incumbent si auto-rafforza. Le persone usano i dollari perché altre persone usano i dollari; il dominio del dollaro genera un continuo dominio del dollaro.

Ma non sono solo le tartarughe fino in fondo. Il dollaro ha caratteristiche intrinsecamente desiderabili: è allo stesso tempo altamente stabile, liquido, sicuro e convertibile. E i mercati finanziari statunitensi sono di gran lunga i più grandi, profondi e liquidi del mondo, offrendo un’abbondanza di attraenti attività denominate in dollari che gli investitori stranieri possono scambiare. Nessun altro mercato si avvicina neanche lontanamente. Come abbiamo visto durante il recente panico bancario, ogni volta che le turbolenze sconvolgono i mercati globali, il dollaro si rafforza mentre gli investitori si riversano sugli asset sicuri più abbondanti e liquidi esistenti. In effetti, il dollaro è uscito dalla crisi forte quasi quanto lo è stato in 20 anni rispetto alle altre principali valute.

In definitiva, gli investitori vogliono detenere attività in dollari perché i fondamentali economici, politici e istituzionali dell’America ispirano credibilità e fiducia. Gli Stati Uniti hanno l’esercito più forte del mondo, le migliori università di ricerca, il settore privato più dinamico e innovativo, una generale apertura al commercio e ai flussi di capitale, istituzioni governative relativamente stabili, una banca centrale indipendente, solide politiche macroeconomiche, forti diritti di proprietà e un solido stato di diritto. Le persone di tutto il mondo si affidano al governo degli Stati Uniti per salvaguardare il valore dei propri beni e onorare i propri diritti su di essi, rendendo il dollaro la valuta rifugio per eccellenza e i titoli di stato statunitensi i beni sicuri più apprezzati al mondo.

Niente di tutto ciò significa che il vantaggio del dollaro non possa scivolare, ovviamente. Dopotutto, ogni valuta di riserva che è venuta prima del dollaro è stata dominante fino al momento stesso in cui ha cessato di esistere.

Per gran parte del XIX secolo, la valuta globale preferita è stata la sterlina britannica, a causa della vasta portata territoriale dell’Impero britannico, della supremazia economica e del sistema bancario e legale avanzato. È stato definitivamente sostituito dal dollaro USA solo quando gli Stati Uniti sono diventati una superpotenza economica. Dopo la seconda guerra mondiale, il PIL degli Stati Uniti rappresentava circa la metà del totale mondiale, quindi aveva senso che il dollaro fosse il mezzo di scambio globale, l’unità di conto e la riserva di valore.

Da allora la supremazia economica dell’America è diminuita, la sua quota di produzione globale è ora una frazione di quella che era nel 1945. Questa tendenza ha portato molti a temere che il dollaro seguirà presto le orme della sterlina. Ma c’è una grande differenza tra oggi e allora: quando la sterlina ha perso il suo status, c’era un’altra valuta in disparte pronta a prendere il suo posto. Oggi non esiste uno sfidante del genere.

Tra i presunti seri candidati a detronizzare il “re dollaro”, l’euro non è un’alternativa praticabile a causa della persistente frammentazione dell’Europa. Nonostante abbia un’economia considerevole, mercati finanziari ben sviluppati, libero scambio decente e apertura dei capitali e istituzioni generalmente solide, l’Europa manca di veri mercati dei capitali, unione bancaria, fiscale e politica.

Sin dalla crisi dell’eurozona del 2009, i mercati obbligazionari europei sono stati molto più frammentati e meno profondi di quelli americani, lasciando agli investitori una carenza di attività denominate in euro di alta qualità. Sebbene la pandemia abbia spinto l’UE a emettere finalmente debito comune per finanziare gli sforzi di ripresa, quella mossa da sola non è stata sufficiente per rafforzare il ruolo internazionale dell’euro, poiché i mercati sanno che anche se la piena integrazione fiscale e finanziaria fosse all’orizzonte – un grande se – l’integrazione politica no.

Lo yuan cinese, nel frattempo, non è un’alternativa praticabile a causa dell’inclinazione autoritaria e statalista di Pechino. In effetti, le preferenze politiche di Xi Jinping – autonomia economica, stabilità finanziaria, prosperità comune e controllo politico dell’economia – vanno direttamente contro le sue ambizioni valutarie globali.

Nonostante il suo ruolo crescente nell’economia globale e il desiderio di lunga data di spodestare il dollaro, alla Cina mancano le tutele degli investitori, la qualità istituzionale e l’apertura del mercato dei capitali necessarie per internazionalizzare uno yuan che non è ancora completamente convertibile all’estero. Persistenti controlli valutari e sui capitali, un sistema bancario opaco con troppi crediti inesigibili, applicazione irregolare dei contratti e regolamenti spesso arbitrari e draconiani continueranno a minare gli sforzi di Pechino per elevare lo yuan.

Ultimo e sicuramente meno importante, le cosiddette criptovalute come Bitcoin non sono un’alternativa praticabile perché sono attività speculative senza valore intrinseco o legale. Al contrario, in quanto moneta a corso legale, il dollaro USA è sostenuto dalla ricchezza attuale e futura dell’America e dalla capacità del governo statunitense di tassarlo.

Dico “cosiddette” criptovalute perché questi tulipani digitali non sono realmente valute o denaro: sono molto costosi e lenti da negoziare, raramente possono essere usati per pagare le tasse o comprare generi alimentari, e sono troppo volatili per essere utili come mezzi di pagamento, riserve di valore o unità di conto. Né sono veramente decentralizzati , come ha dimostrato il tracollo di FTX .

Per essere chiari, non è del tutto accettato che perdere lo status di valuta di riserva sarebbe una cosa negativa per gli Stati Uniti. Negli anni ’60, l’allora ministro delle finanze francese Valéry Giscard d’Estaing affermò notoriamente che essere l’emittente della valuta di riserva globale offriva all’America un “privilegio esorbitante”, permettendole di prendere in prestito a buon mercato dal resto del mondo e vivere al di sopra dei propri mezzi.

Ma c’è un aspetto negativo (o “peso esorbitante”) nello status di riserva in USD: l’insaziabile appetito degli stranieri per i beni in dollari fa aumentare il valore del dollaro, rendendo le esportazioni americane artificialmente costose, danneggiando i produttori americani, aumentando la disoccupazione americana, sopprimendo i salari americani, costringendo l’America a gestire deficit cronici e ampliare la disuguaglianza americana. Si potrebbe sostenere che gli Stati Uniti dovrebbero accogliere con favore – e, in effetti, lavorare per – un ruolo minore per il dollaro, e che contendenti come la Cina e l’Europa dovrebbero essere riluttanti a sostituirlo.

La minaccia più seria al dominio del dollaro potrebbe provenire non dall’estero (Europa, Cina) o dall’esterno (cyberspazio), ma dall’interno. Gli Stati Uniti sono ancora la nazione più potente della terra, ma sono anche la più politicamente divisa e disfunzionale di tutte le principali democrazie industriali. L’unico rischio maggiore per lo status globale del dollaro è che la crescente disuguaglianza, il tribalismo, la polarizzazione e lo stallo finiscano per minare la fiducia nella stabilità e nella credibilità dell’America.

Alla fine della giornata, tuttavia, non importa quanto il dollaro sembri perdere il suo splendore, lo status di valuta globale riguarda vantaggi relativi, non assoluti. Senza un valido sfidante, è molto improbabile che il dollaro perda presto il suo ruolo speciale, nel bene e nel male. Non puoi sostituire qualcosa con niente.

A cura di Ian Bremmer, presidente di GZero

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!