Spagna, maglia nera dell'immobiliare

A
A
A
di Marcella Persola 12 Settembre 2008 | 16:00
Dopo un anno turbolento si prospetta un 2009 con un rimbalzo dei mercati e un ritorno al sereno, almeno dopo il primo trimestre. Anche se la tempesta non è finita per tutti. La Spagna ad esempio…

Un anno vissuto pericolosamente. Con queste battute si è aperto l’European Outlook 2009 di Scenari Immobiliari, organizzato a Santa Margherita ligure. Mario Breglia, presidente della società, non ha trovato parole più idonee per sintetizzare quanto accaduto nei mercati immobiliari europei nel 2008.

Il Forum ha mostrato come nei cinque Paesi più importanti (Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna) il fatturato del settore ha chiuso in calo dello 0,4%, per un totale di 702 miliardi di euro. La Spagna ha segnato il crollo maggiore con il 4,7% (che è salito a -8,6% nel segmento residenziale). in calo anche il mercato anglosassone dopo dieci anni di crescita ininterrotta.

A livello comunitario il mercato globale è cresciuto del 2,9%. Le prospettive per il 2009 sono quindi di un rimbalzo dei mercati, dopo il primo trimestre, e un ritorno al segno positivo anche se modesto, con l’esclusione della Spagna.
In Italia il fatturato del mercato si avvicina a 128 miliardi di euro, con uno 0,9% in più rispetto allo scorso anno.

Il calo delle compravendite residenziali è compensato da prezzi medi stabili. Calano le quotazioni solo nelle grandi città. Si riprende il comparto industriale e migliora il settore degli uffici. Bene la grande distribuzione.

Nel 2009 invece è atteso un incremento del fatturato dell’1,6%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti