Tutti insieme appassionatamente

A
A
A
di Redazione 19 Settembre 2008 | 07:45
Con un annuncio coordinato, Federal Reserve, Bce, Banca del Giappone, Banca d’Inghilterra e Banca del Canada hanno reso noto che inonderanno il mercato con 180 miliardi di dollari di liquidità. E’ la fine di un epoca. Lo strapotere delle banche d’affari è finito.

Con un annuncio coordinato, Fed, Bce, Banca del Giappone, Banca d’Inghilterra e Banca del Canada hanno reso noto che inonderanno il mercato con 180 miliardi di dollari di liquidità, La banca Lloyds ha annunciato l’acquisto della disastrata Hbos, il numero due del Fondo Monetario Internazionale, John Lipsky ha dichiarato che “per salvare il sistema finanziario l’utilizzo di fondi pubblici potrebbe diventare inevitabile”, il procuratore generale di Procura di New York Andrew Cuomo ha dichiarato riferendosi al crollo in borsa dei titoli Goldman Sachs e Morgan Stanley “Voglio che chi ha venduto a breve oggi sappia che li sto controllando”, il presidente della Sec, Christopher Cox, ha dichiarato che La Sec, ossia la Consob americana, sta considerando maggiori norme per garantire liquidità ai mercati, il presidente della Fed, Ben Bernanke, al termine degli incontri avuti, insieme al segretario al Tesoro Henry ‘Hank’ Paulson, con i rappresentanti del Congresso ha dichiarato ”Lavoriamo con il Congresso per risolvere la crisi finanziaria e rimettere l’economia in moto”, l’agenzia stampa del governo cinese, la Xinhua News Agency, dichiara che il governo è pronto ad intervenire comperando le azioni delle proprie banche troppo sottovalutate.

E per vostra fortuna mi astengo dal continuare le con le premesse, omettendo di illustrarvi tutti i particolari dell’ipotesi di creazione di una Resolution Trust Corporation (RTC), ossia di struttura finanziata da fondi pubblici avente il compito di farsi carico di incamerare i titoli difficilmente vendibili oggi in portafoglio a banche e assicurazioni, passando a dichiaravi brevemente cosa penso quando vedo che finalmente “Tutti insieme appassionatamente” remano nella stessa direzione.

E’ la fine di un epoca. Lo strapotere delle banche d’affari è finito. Se veramente tutte queste dichiarazioni permetteranno di impedire una catastrofe finanziaria globale, allora deve essere chiaro a tutti che da oggi, chi deciderà di arricchirsi con i derivati facendo raddoppiare i prezzi delle materie prime non potrà più farlo impunemente. Chi deciderà di arricchirsi scommettendo sul crack di soggetti deboli o concorrenti e operando a favore del fallimento con la vendita allo scoperto non potrà più farlo impunemente. Chi deciderà deliberatamente di costruire prodotti “velenosi” dovrà essere pronto a rimangiarseli. E qualche volta anche a morirne.

Prosit.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La festa di primavera

L’Asia attende l’insediamento di Barack Obama

L'uomo più ricco della Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X