Efpa Italia Meeting 2023, la cronaca della conferenza d’apertura

È iniziato oggi l’Efpa Italia Meeting 2023, ospitato ancora una volta dal Centro Congressi Villa Vittoria in Firenze. Qui di seguito la redazione di Bluerating vi proporrà una cronaca delle principali testimonianze raccolte all’interno della conferenza di apertura. Qui di seguito trovate i dettagli e successivamente le parole degli ospiti.

14.00 Apertura EFPA Italia Meeting e saluti inaugurali
a cura di Marco Deroma, Presidente EFPA Italia
********
EFPA Italia Meeting opening and inaugural greetings
by Marco Deroma, EFPA Italia Chairman
14.10 Un futuro in transizione permanente
Interventi di: Marica Branchesi, Professore Ordinario di Astrofisica presso il Gran Sasso Science Institute (in collegamento)
Coleman Kendall, Chief Economist, Marshfield Associates
Giorgio De Rita, Segretario Generale Censis
Moderatore: Leopoldo Gasbarro, Direttore responsabile Wall Street Italia

 

Ecco la cronaca:

Ardente (vice preside Efpa Italia): i risparmi vanno seguiti con competenza e noi di Efpa promuoviamo questo. La competenza va resa fruibile dai clienti. In questo sento l’AI può essere di grande aiuto.

Deroma: oltre all’eccellenza nella competenza abbiamo anche da offrire eccellenza sul piano dell’etica. Il trend delle certificazioni prosegue la crescita, così come quello degli utili netti di Efpa Italia.

Gasbarro: bisogna uscire dagli schemi in momenti complessi come quello attuale. Per questo ho deciso di chiamare la dottoressa Branchesi.

Branchesi: mi occupo di astronomia delle onde gravitazionali. Guardando l’universo capiamo il nostro presente. (Segue una bellissima presentazione divulgativa relativa alle onde gravitazionali).

Gasbarro: dobbiamo imparare a farci aiutare dall’intelligenza artificiale. Non dobbiamo avere paura di ciò che non conosciamo, dobbiamo aprirci al futuro.

Kendall: un tema caldo dell’attualità e al tempo stesso di prospettiva è quello della demografia. L’economia e la società reagiscono più lentamente rispetto alle dinamiche demografiche. Saranno necessarie riforme strutturali costose e questa portare una forte battaglia politica. In merito ai consulenti sono convinto che continueranno ad avere un ruolo cruciale nella società, a prescindere dall’impatto dell’intelligenza artificiale, perché il lato umano è fondamentale nella costruzione della fiducia con un risparmiatore.

De Rita: siamo una società in transizione. Negli ultimi 30 anni siamo rimasti sostanzialmente fermi. Per fortuna la propensione al risparmio è rimasta solida. In un quadro internazionale cupo, sussistono però alcuni elementi di ottimismo legati al nostro paese. Per esempio alcune regioni, come Lombardia ed Emilia Romagna, sono molto attive. Anche la competenza finanziaria sta crescendo e questo è un segnale positivo. Chiaramente non possiamo più rimanere fermi.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!