Da Rare Infrastructure, affiliata di Legg Mason, due nuovi fondi

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Gennaio 2016 | 13:30

A seguito dell’acquisizione di RARE Infrastructure Ltd. (“RARE”) lo scorso ottobre, Legg Mason mette a disposizione degli investitori due nuovi fondi che offrono la possibilità di beneficiare dell’esposizione alle società quotate del settore delle infrastrutture a livello internazionale.

Il fondo RARE Infrastructure Value Fund investe in azioni quotate di società coinvolte in importanti progetti e sviluppi infrastrutturali, inclusi quelli del settore dei servizi essenziali, dei trasporti e delle comunicazioni, sia nei Paesi sviluppati che nei mercati emergenti. Il fondo, che include al suo interno una selezione di 30-60 titoli, mira ad offrire agli investitori una crescita del capitale ed un profilo di redditività stabile, con un obiettivo di rendimento del 3,5%-5.5% p.a.

Il fondo RARE Emerging Markets Fund investe in azioni quotate di società attive su progetti infrastrutturali in settori analoghi dei mercati emergenti. Il fondo, che generalmente include tra i 25 e 60 titoli, mira ad offrire agli investitori una crescita del capitale ed un profilo di redditività stabile, con un obiettivo di rendimento del 6% p.a.

Fondata nel 2006 da Nick Langley e Richard Elmslie, RARE si è evoluta in uno dei maggiori gestori patrimoniali alternativi operanti nel settore delle infrastrutture a livello globale, con masse gestite che ammontano a 6,8 mld di USD per clienti istituzionali e retail. Il suo obiettivo di investimento consiste nella ricerca di rendimenti azionari ponderati per il rischio, dove RARE è appunto l’acronimo di “Risk Adjusted Returns on Equity” Il processo d’investimento si concentra sull’individuazione delle risorse infrastrutturali in grado di offrire un profilo di rendimenti stabile e misurabile e questo avviene sulla base di un’analisi dettagliata dei flussi di cassa generati dalle risorse, combinata con una valutazione dei principali driver macro-economici sottostanti. RARE si distingue per:

  • L’attenzione mirata alle società quotate operanti nel settore delle infrastrutture a livello globale e alla selezione di titoli azionari rappresentativi di progetti e sviluppi infrastrutturali di rilievo, come aeroporti, gasdotti, reti elettriche, idriche e stradali, sia nei Paesi sviluppati che nei mercati emergenti.
  • Prodotti che offrono un profilo di rendimento stabile e misurabile, una bassa correlazione con le altre principali asset class ed un certo grado di protezione contro l’inflazione.
  • Un processo d’investimento consolidato da tempo, che ha offerto performance relative superiori a quelle dei principali competitors ed un team di gestione di comprovata esperienza, con una profonda conoscenza del settore, che si avvale del supporto di team di ricerca specializzati. Il team di gestione, composto da 15 persone, vanta competenze che spaziano su tutti i principali mercati e categorie di asset infrastrutturali a livello globale.

Joseph A. Sullivan, Presidente e CEO di Legg Mason, ha dichiarato: “Le competenze di RARE possono rappresentare una scelta di primario interesse per molti clienti, poiché mirano a raggiungere obiettivi tra cui rendimento, crescita, diversificazione e preservazione del capitale. Il mercato degli investimenti nel settore delle infrastrutture è cresciuto significativamente negli ultimi anni e RARE ha contribuito a questa espansione, soprattutto in Australia e Canada, che sono stati tra i primi paesi a dare spazio a questo business. Siamo convinti che la domanda globale relativa a questa tipologia di investimenti liquidi, a lunga scadenza, continuerà a crescere.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, le occasioni nei bond emergenti

Fondi, Hedge Invest punta sugli emergenti con un nuovo comparto

Investimenti, dalle commodity una spinta agli emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X