Mercati: petrolio Wti in equilibrio precario

Come previsto, l’OPEC+ ha concluso i piani di produzione di petrolio per il 2024 con ulteriori tagli, dopo che i prezzi del greggio sono crollati sotto gli 80 dollari al barile a causa di un nuovo eccesso di petrolio. L’incontro era ad alto rischio e il suo rinvio ha intensificato la tensione, in quanto segnalava una disputa più sistematica interna all’OPEC+ per l’indebolimento della crescita della domanda e l’aumento della produzione globale di petrolio.

Mentre i prezzi potenzialmente più alti avvantaggiano i produttori più piccoli, già in difficoltà nel rispettare le quote di produzione, i produttori più grandi avrebbero voluto utilizzare la loro capacità in eccesso. Alla fine, sembra che la disputa sia stata risolta e che l’Arabia Saudita possa aver convinto il gruppo ad aumentare i tagli per raggiungere l’equilibrio del mercato nel 2024. E dopo aver sopportato gran parte del peso dei tagli alla produzione da luglio, l’Arabia Saudita sembra aver esortato i partner della coalizione a fare lo stesso. Lo scenario alternativo di un calo dei prezzi causato dal ritorno di una parte o di tutta la capacità di riserva dell’Arabia Saudita avrebbe potuto avere un impatto più sostanziale sull’OPEC+.

La scarsa reazione del prezzo dei futures petroliferi alla decisione del gruppo di ridurre la produzione potrebbe indicare che il mercato aveva già in gran parte tenuto conto di questo sviluppo. Tuttavia, si prevede che la volatilità rimarrà elevata, considerando tutti i fattori fondamentali in gioco e i rischi geopolitici. La produzione petrolifera statunitense potrebbe continuare ad aumentare per colmare il potenziale gap di mercato, sostenendo così la domanda di infrastrutture midstream statunitensi”, avverte Roberta Caselli, commodity Research Analyst di Global X.

Al di là della riunione dell’OPEC+, i prezzi del petrolio sono stati recentemente influenzati dai dati sull’aumento delle scorte petrolifere statunitensi e poi sostenuti dai segnali che la Federal Reserve potrebbe aver terminato di aumentare i tassi di interesse.

La curva forward del WTI è in contango, segnalando un equilibrio di mercato meno rigido: potrebbe verificarsi un’eccedenza di offerta nel 2024 a causa della significativa crescita della produzione non OPEC+ e della diminuzione della crescita della domanda”, conclude Caselli.

Il petrolio Wti

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!