Mercati, parola d’ordine: “trend is your friend”, nonostante tutto

Non è sorprendente come gli investitori ignorino i commenti aggressivi della Fed, ma accolgano pienamente i commenti accomodanti? A farlo notare è Ipek Ozkardeskaya, Senior Analyst di Swissquote Bank, che di seguito illustyra nel dettaglio la propria view.

Le parole di Thomas Barkin della Fed, secondo cui la Fed potrebbe tagliare i tassi se i recenti progressi sull’inflazione continuassero, hanno mandato il Nasdaq 100 a un nuovo record per il terzo giorno consecutivo e l’S&P500 a un nuovo massimo da inizio anno.

Tuttavia, tutti gli avvertimenti degli altri banchieri centrali secondo cui potrebbe essere troppo presto per tagliare i tassi non hanno avuto la stessa reazione entusiasta.

Ma la tendenza è tua amica, le Colombe sono tuoi amici, i Falchi non sono tuoi amici e questo è – immagino – l’ingrediente magico per garantire un raduno di Babbo Natale. Tuttavia, non esiste alcuna spiegazione razionale a questa reazione asimmetrica del mercato, dato che gli ultimi dati economici statunitensi indicano una forza costante, e quest’ultima dovrebbe essere, in teoria, a sostegno dei falchi della Fed.

Gli investitori sognano tagli aggressivi dei tassi in un contesto di forte crescita economica, e questa non è la ricetta giusta per allentare l’inflazione e mantenerla sufficientemente bassa. I robusti dati economici e le elevate aspettative sugli utili non sono compatibili con una Fed accomodante.

FedEx suona il campanello d’allarme

Gli ultimi risultati FedEx non hanno incantato gli investitori ieri. L’azienda, che funge da indicatore dell’attività economica, ha deluso le aspettative a causa del calo dei volumi di trasporto aereo e di autotrasporto. Il prezzo delle azioni è sceso del 7% dopo la campana di chiusura. La svendita probabilmente manderà FedEx al di sotto del suo canale rialzista costruito da ottobre – sulla scia del calo dei rendimenti, ma quella correlazione negativa tra FedEx e il rendimento a 10 anni degli Stati Uniti sta per rompersi, poiché FedEx, come la maggior parte delle azioni, non può continuare a salire sulla scia del calo dei rendimenti: un ulteriore calo dei rendimenti implica un discreto rallentamento economico e ciò non è positivo per gli utili, le aspettative di utile e quindi le valutazioni.

Zoomando indietro, le azioni S&P sono ora scambiate a quasi 20 volte le stime degli utili a 12 mesi, e la stima dell’EPS a 12 mesi è a un record. Si tratta di una visione preziosa delle aspettative relative alla performance complessiva degli utili delle società dell’S&P500, e i numeri non sembrano essere quelli di un’economia che necessita di condizioni finanziarie più allentate.

Debolezza del dollaro

Rilasciati ieri, gli ultimi dati sul settore immobiliare negli Stati Uniti hanno mostrato che i nuovi progetti immobiliari sono aumentati di quasi il 15% a novembre mentre i tassi ipotecari sono scesi da oltre l’8% a sotto il 7% grazie ad un rapido calo dei rendimenti statunitensi. Questo è un buon segno per la salute economica, ma non necessariamente per il futuro percorso dell’inflazione. Ma il dollaro non ha reagito.

Un altro punto interessante sono i depositi statunitensi. Al culmine della pandemia i depositi statunitensi rappresentavano circa l’80% e ora stanno tornando verso la norma pre-pandemia pari a circa il 60%. Il venir meno del risparmio in eccesso potrebbe rallentare la spesa dei consumatori statunitensi, quindi moderare la crescita economica e domare l’inflazione, ma il PILNow della Fed di Atlanta punta a una crescita del PIL statunitense del 2,7% nel quarto trimestre. I dati ufficiali di giovedì ricorderanno che l’economia statunitense è cresciuta di oltre il 5% nel terzo trimestre, un numero che dovrebbe sollevare dubbi sull’ottimismo accomodante della Fed.

L’ottimismo delle colombe della Fed è eccessivo, data la forza dei dati economici sottostanti e la pressione al rialzo sui costi energetici e di spedizione poiché le principali compagnie energetiche e di navigazione del mondo hanno iniziato a evitare il Canale di Suez a causa degli attacchi Houthi. I recenti sviluppi inizieranno a manifestarsi nei dati economici tra poche settimane e aiuteranno gli investitori a valutare la portata delle implicazioni globali.

L’inflazione

Mentre crescono le preoccupazioni riguardo alle implicazioni degli sviluppi nel Mar Rosso, gli ultimi dati sull’inflazione provenienti da Europa e Gran Bretagna danno un po’ di tregua. L’inflazione nell’Eurozona è scesa al 2,4% a novembre e l’inflazione core è scesa al 3,6% come previsto.

Nel Regno Unito, sia l’inflazione complessiva che quella core sono scese più rapidamente del previsto a novembre. L’IPC complessivo è sceso sotto la soglia del 4%, mentre l’inflazione core è scesa al 5,1%. Il cable è scivolato sotto 1,27 come reazione istintiva ai dati sull’inflazione più deboli del previsto.

Tuttavia, in termini assoluti, l’inflazione core in Gran Bretagna è ancora più del doppio dell’obiettivo di inflazione del 2% della BoE. E anche se il ritmo dell’allentamento è più che benvenuto, la Banca d’Inghilterra (BoE) è ancora l’ultima in fila per unirsi al partito pivot. Pertanto, le aspettative aggressive della BoE dovrebbero limitare la svendita della sterlina se, ovviamente, gli investitori continueranno a disinvestire dal dollaro statunitense sulla scia dell’attenuazione delle aspettative della Fed.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!