Mercati, Bitcoin: attenzione alla crescente pressione normativa sul mining

Il Bitcoin, la criptovaluta di punta, si trova ad affrontare una minaccia senza precedenti a causa dell’intensificazione della regolamentazione sui minatori, che potrebbe portare a una censura a livello di protocollo. Il rischio incombente, nel dettaglio, deriva dalla crescente pressione sui minatori affinché controllino e filtrino le transazioni associate a indirizzi legati ad attività criminali, come riportato da Cryptonomist.ch.

Sebbene tali casi siano attualmente rari, l’evoluzione del panorama normativo suggerisce un potenziale spostamento verso pratiche comuni in futuro.

Le autorità di regolamentazione statunitensi, in particolare l’Office of Foreign Assets Control (OFAC), stanno monitorando attentamente lo spazio delle criptovalute.

Sebbene i minatori non siano attualmente l’obiettivo principale, gli esperti legali avvertono che la fornitura di servizi a persone inserite in liste di sanzioni potrebbe essere considerata come un sostegno materiale a entità sanzionate, invitando a imporre sanzioni ai fornitori di servizi.

Secondo Ben Hutten, partner dello studio legale Orrick, i minatori dovrebbero agire con cautela visto il contesto normativo. La potenziale imposizione di sanzioni ai fornitori di servizi segnala una crescente necessità di vigilanza all’interno della comunità del mining.

Le pressioni normative sui miners

I minatori sentono sempre più la pressione di enti normativi come l’OFAC e la FinCEN. Le recenti azioni contro i miscelatori di criptovalute, esemplificate da Tornado Cash, sottolineano l’approccio innovativo dei regolatori nel combattere le attività illecite nello spazio delle criptovalute.

La designazione da parte della FinCEN della miscelazione di criptovalute come problema primario di riciclaggio di denaro significa un’applicazione più ampia delle misure di regolamentazione.

Mentre i singoli minatori sono attualmente esposti a rischi minimi, i servizi di mining che si dedicano alla suddivisione delle transazioni potrebbero essere sottoposti a un controllo normativo.

Hutten osserva che il rispetto delle norme e dei regolamenti è fondamentale per i servizi di mining per evitare di essere classificati come trasmettitori di denaro negli Stati Uniti.

Il rapporto in evoluzione tra le autorità di regolamentazione statunitensi e il settore delle criptovalute è esemplificato dalle misure proattive della stablecoin Tether.

Tether ha una storia di congelamento di indirizzi legati al crimine e ha recentemente annunciato una collaborazione con i servizi segreti degli Stati Uniti e l’FBI per

migliorare la conformità normativa.

Nel 2021, Marathon Digital ha sperimentato brevemente il filtraggio delle transazioni per gli indirizzi sanzionati, evidenziando l’impraticabilità e l’impopolarità di tali funzioni.

Gli esperti del settore sottolineano l’inevitabilità della conformità alle normative governative statunitensi, riconoscendo che il tentativo di resistere alle pressioni normative può essere inutile.

La censura delle transazioni pone problemi economici ai minatori, in quanto il rifiuto delle transazioni consente ad altri minatori di richiedere le commissioni associate.

Tuttavia, le potenziali ripercussioni della mancata conformità con le autorità di regolamentazione statunitensi potrebbero essere più significative.

L’emergere di un consenso non ufficiale tra i principali pool di mining per filtrare transazioni specifiche potrebbe portare a un attacco de facto al 51% del Bitcoin, con conseguente potenziale divisione della catena.

In conclusione

Il futuro del Bitcoin è incerto a causa dell’aumento del controllo normativo sui minatori. Il delicato equilibrio tra conformità e mantenimento dell’etica decentralizzata delle criptovalute solleva interrogativi critici sulla traiettoria del settore.

I minatori devono navigare in questo panorama in evoluzione, soppesando le implicazioni economiche della censura delle transazioni con i rischi legali e normativi associati alla non conformità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!