Cinque motivi per cui l’oro potrebbe allungare di nuovo il passo

Nel 2024 l’oro riporterà forti performance. La nostra previsione di un continuo aumento dei prezzi del metallo giallo riflette diversi fattori”. Ad affermarlo è Peter Kinsella, Global Head of Forex Strategy di Ubp, che di seguito spiega nel dettaglio questi fattori potenzialmente favorevoli per le quotazioni del lingotto.

In primo luogo, il calo simmetrico dell’inflazione nelle economie avanzate e in quelle in via di sviluppo implica che le banche centrali sono ora pronte a tagliare i tassi di interesse nel corso dell’anno, con la possibilità che questo avvenga prima di quanto previsto in precedenza. Il mantra del “più alti più a lungo” non è stato mantenuto, a causa del rapido calo dell’inflazione sia nominale che di fondo nelle principali economie. I tassi d’interesse più bassi riducono il costo opportunità di possedere oro. Ma c’è spazio per ulteriori cali modesti dei tassi d’interesse a più lunga scadenza, il che rappresenta uno sviluppo positivo per l’oro, viste le correlazioni negative di lunga data.

In secondo luogo, l’indebolimento dei tassi di cambio del dollaro favorirà ancora l’oro. Dal momento che l’oro è valutato in dollari, un calo dei tassi di cambio causa un rialzo modesto dei prezzi. I nostri modelli indicano che un calo dell’1% dell’US Dollar Index è compatibile con un aumento del prezzo dell’oro di 8 dollari l’oncia. Supponendo che il dollaro si indebolisca tra il 5% e il 10% nel corso dell’anno, questo porterà a un chiaro aumento dei prezzi. Il calo dei tassi d’interesse negli Stati Uniti peserà sul dollaro e l’oro ne beneficerà.

Inoltre, riteniamo che le preoccupazioni crescenti sulla sostenibilità del debito degli Stati Uniti favoriranno l’oro, sia nel 2024 che negli anni a venire. Il deficit fiscale degli USA si aggira intorno all’8% del PIL, una cifra straordinaria in tempo di pace. Le tensioni politiche lasciano pensare che ci siano poche prospettive di un piano di riduzione delle spese fiscali, con il risultato che il rapporto debito/PIL si sposterà verso livelli di circa il 130% nei prossimi anni. Dinamiche simili sono visibili in molte altre economie avanzate e riteniamo che l’oro possa servire da copertura in queste circostanze.

Riteniamo anche che il recente trend di acquisti aggressivi di oro da parte delle banche centrali proseguirà nel 2024. Nel 2022, le banche centrali hanno acquistato la cifra record di 1.038 tonnellate di oro fisico e nel 2023 la cifra sarà di entità simile. Questi acquisti ingenti sono ben al di sopra delle recenti medie di lungo periodo e a nostro avviso segnano un netto cambiamento rispetto al passato.  Il driver principale di acquisti ingenti di oro da parte di molte banche centrali dei mercati emergenti riflette il desiderio di ridurre la loro dipendenza dal dollaro come componente principale delle loro riserve. Pensiamo che questo sia un trend secolare per le banche centrali dei mercati emergenti, che attualmente detengono circa l’80% delle riserve in valute estere globali. Se questa diversificazione delle riserve continuerà a ritmo sostenuto, sarà chiaramente un vento di coda per i prezzi dell’oro. Gli acquisti aggressivi limiteranno anche i ribassi dei prezzi dell’oro. In effetti, siamo rimasti sorpresi dalla resistenza dei prezzi dell’oro a metà del 2023, quando i rendimenti dei TIPS decennali statunitensi sono saliti a livelli superiori al 2,50%.

Crediamo che l’oro sia entrato in un nuovo regime di trading. Normalmente ci aspetteremmo di vedere l’oro scambiato a livelli più bassi, visti i forti aumenti dei tassi d’interesse in tutto il mondo negli ultimi due anni. Tuttavia, ciò non è accaduto. L’oro ha mantenuto, nonostante l’aumento dei tassi d’interesse a breve e a lungo termine. La prospettiva di un’inflazione leggermente più elevata in futuro, o almeno superiore a quella del periodo pre-pandemia, spiega probabilmente questa performance solida. Riteniamo che questa nuova era per l’oro suggerisca che i rischi di ribasso sono limitati.

La nostra view è che gli investimenti sia retail che istituzionali saranno piuttosto forti nel 2024. Notiamo che gli investitori hanno ridotto l’esposizione all’oro nel 2023, e questo è stato particolarmente evidente nello spazio degli ETF. Con la riduzione dei tassi d’interesse da parte delle banche centrali, possiamo prevedere che sia gli investitori retail che quelli istituzionali aumenteranno le allocazioni verso il metallo giallo.

Infine, riteniamo che gli attuali rischi geopolitici costituiranno un sostegno strutturale per l’oro. La politica statunitense è diventata sempre più isolata e meno attenta agli sviluppi esterni, con il risultato che l’architettura politica internazionale precedente al 2016 non è più funzionale. Si dice che il caos ami il vuoto, e questo è chiaramente visibile visto il numero crescente di conflitti internazionali. La prospettiva di una seconda presidenza Trump potrebbe portare a un peggioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina e persino tra Stati Uniti ed Europa. Riteniamo che l’oro offrirà una copertura significativa a questi sviluppi.

In generale, pensiamo che l’oro abbia un ampio margine di manovra per avvicinarsi alla nostra stima di fair value a lungo termine di 2.200 dollari l’oncia nel 2024, con i rischi posizionati saldamente al rialzo. I rischi di ribasso dovrebbero essere minimi, visti gli acquisti aggressivi delle banche centrali e i tagli dei tassi di interesse che potrebbero avvenire prima del previsto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!