I mercati cercano di decifrare le banche centrali

Che la comunicazione sia strategica per le banche centrali, ben lo ha capito la Fed che la vede come uno strumento importante di politica monetaria (crediamo un po’ meno la Bce). Non solo infatti aumenta la prevedibilità dei cambiamenti nei tassi di interesse, contribuendo a ridurre la volatilità economica e dei mercati finanziari, ma supporta l’istituto Usa nel raggiungere il proprio obiettivo.

Tuttavia, nonostante i migliori sforzi nel plasmare le aspettative di politica monetaria, districare le opinioni della Fed sui rischi legati all’inflazione e alla crescita economica, con l’obiettivo di decifrare il percorso dei tassi di interesse, sembra essere recentemente diventato più difficile del solito.

Infatti, da un lato, i membri del FOMC giudicano la posizione attuale della politica monetaria come restrittiva e vedono i rischi per la crescita inclinati al ribasso (vedi i verbali della riunione di dicembre). Dall’altro lato, i rischi legati all’inflazione sono ancora visti al rialzo a causa delle potenziali pressioni persistenti sui salari e dei possibili colpi agli approvvigionamenti dovuti agli scontri geopolitici in corso.

Comunque, al di là di tutto, non si può ignorare il chiaro progresso della Fed verso l’obiettivo di inflazione del 2% perseguito mantenendo tassi elevati. Ma, come noto, la politica monetaria mantenuta a lungo restrittiva, aumenta i rischi al ribasso per la crescita economia (anche se la Fed ha interrotto l’aumento dei tassi a luglio).

Tanto è vero che quasi tutte le proiezioni di base dei partecipanti alla riunione di dicembre indicano che un intervallo target più basso per il tasso dei fondi federali sarebbe appropriato entro la fine del 2024. Infatti, nella riunione di dicembre la previsione della tendenza centrale del comitato è passata da due a tre tagli dei tassi da 25 punti base (bps) ciascuno. Per complicare ulteriormente le cose, i mercati hanno già fissato nel prezzo una serie di sei tagli dei tassi da 25 bps quest’anno, il doppio delle aspettative della Fed e probabilmente ancora più incoerente con la visione comune di un atterraggio morbido o uno scenario senza recessione.

Inoltre, i dati recenti sull’occupazione e i salari, hanno modificato le aspettative di inflazione degli investitori. Occupazione e di riflesso salari sono stati sostenuti nel 2023 dalla robusta spesa pubblica e la conseguente assunzione di personale. L’occupazione nel settore pubblico ha rappresentato infatti il 24% dell’incremento complessivo dell’occupazione a dicembre ed è aumentata del 3% rispetto all’anno precedente, Nello stesso periodo il settore privato ha fatto segnare un aumento dell’1,5%.

Complicato dai tassi di interesse elevati, dalle condizioni di prestito restrittive, dalla diminuzione del potere di prezzo e dalla crescita dei ricavi in calo, il settore privato ha aggiunto in media solo 115.000 posti di lavoro nel quarto trimestre del 2023, circa il 60% in meno rispetto all’inizio del 2023. I cali sostenuti del tasso di dimissioni e del tasso di assunzioni al di sotto dei livelli pre-pandemici e il flusso di lavoratori, sollevano dubbi anche sulla forza sottostante del mercato del lavoro. Lo fanno anche il calo delle offerte di lavoro e dei servizi di assistenza temporanea, oltre agli indicatori occupazionali.

Anche la contrazione della componente occupazione del settore dei servizi dell’ISM a dicembre (a 43,3 punti rispetto a 54,7 ad agosto) è stata particolarmente marcata. Sebbene tipicamente volatile su base mensile, questo calo segue la diminuzione dell’indice dei principali indicatori del Conference Board e del tasso di dimissioni nell’ultimo anno, tutti coerenti con una domanda di lavoro potenzialmente in deterioramento.

Suggerendo un possibile cambiamento nei venti dell’economia, le ore medie settimanali lavorate sono diminuite a dicembre e la durata della disoccupazione è aumentata in modo significativo sia su base mensile che rispetto all’anno precedente. Anche il tasso di partecipazione alla forza lavoro ha sorpreso con un notevole calo. I cali persistenti tendono ad accompagnare condizioni economiche in deterioramento, quindi il tasso di partecipazione merita anch’esso attenzione.

La domanda aggregata è rimasta ancora troppo forte per pilotare un brusco calo dell’occupazione. Con gli enti governativi locali e statali che hanno già esaurito la maggior parte dei loro massicci fondi educativi legati alla pandemia e con i posti di lavoro governativi nei servizi educativi tornati ai livelli pre-pandemici, l’assunzione pubblica è destinata a raffreddarsi, mentre il settore privato probabilmente si restringerà ulteriormente.

Nei prossimi mesi crediamo che le statistiche sul lavoro rimarranno al centro dell’attenzione. Gli indicatori principali della crescita sono ancora negativi e la curva dei rendimenti è ancora invertita e questo sostiene le prospettive del mercato per un taglio dei tassi. Così come la potenziale crescita robusta della produttività suggerisce pressioni al ribasso sull’inflazione e sui tassi di interesse in futuro.

A cura di Antonio Tognoli, responsabile macro analisi e comunicazione di Cfo Sim

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!