Il governo argentino prepara un’offerta per i bondholders?

A
A
A
di Manuela Tagliani 2 Ottobre 2008 | 12:00
E’ notizia di questi giorni che il Governo argentino starebbe preparando una proposta per tutti i possessori di obbligazioni di Bond argentini che nel 2005 non aderirono alla prima offerta di scambio.L’operazione sarebbe in fase di studio con alcune banche internazionali e avrebbe l’obbiettivo di consentire al Governo argentino di poter tornare sui mercati internazionali del debito.

Da un lato questa iniziativa rappresenta certamente uno sviluppo positivo per gli obbligazionisti, che rischiavano di rimanere isolati dopo l’accordo con il Club di Parigi (si veda in proposito il nostro report del 3 settembre).
Da un altro punto di vista però, la possibile proposta dell’Argentina rappresenta un segnale della gravità della situazione finanziaria del paese, che senza l’accesso al mercato internazionale dei capitali potrebbe rischiare un secondo episodio di insolvenza a meno di dieci anni dal primo.

Inoltre è da segnalare che sarà praticamente impossibile che i nuovi termini dello “scambio” siano più favorevoli di quelli originariamente proposti nel 2005 (in caso contrario l’Argentina dovrebbe andare a compensare il 75% dei bondholders che a suo tempo aderirono alla prima offerta di scambio).
In pratica quindi, tutti gli obbligazionisti dei “vecchi” bond argentini potrebbero trovarsi nella non agevole situazione di scegliere tra una proposta di scambio simile a quella del 2005 e una continuazione della posizione di “stallo” degli ultimi anni, con il rischio aggiuntivo di venire ulteriormente “marginalizzati”.
Con i Credit Default Swaps ai massimi di sempre, che indicano una probabilità di insolvenza superiore al 35% nei prossimi 5 anni.

I possessori dei vecchi bond argentini possono se non altro consolarsi con il lieve recupero delle quotazioni degli ultimi giorni (proprio a causa della speranza che venga ufficializzata la nuova proposta di scambio), potrebbe però essere l’ultima buona notizia per molto tempo a venire.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Commodity, l’Argentina blocca l’export di carne. Il future per approfittarne

Argentina verso la ristrutturazione, le prospettive dei bond per il 2020

America Latina: le possibili conseguenze in caso di recessione o forte rallentamento dell’economia mondiale

NEWSLETTER
Iscriviti
X