Mercati: scenari latino americani

A cura di Mali Chivakul, Emerging Markets Economist di J. Safra Sarasin

L’attività economica in America Latina continua a rallentare. Il Brasile sembra il paese più resistente, poiché il rallentamento sequenziale sembra aver toccato il fondo – il PMI manifatturiero di gennaio è risalito in territorio espansivo. La tenuta del Brasile è stata sostenuta dalle forti esportazioni e dalla produzione di petrolio. La crescita delle esportazioni a gennaio è stata del 19% a/a, con un aumento del 53% delle esportazioni verso la Cina. Cile e Colombia rimangono stagnanti. Dopo le numerose sorprese al rialzo dello scorso anno, il Messico ha iniziato a decelerare. Il PIL del quarto trimestre ha sorpreso al ribasso (0,1% trimestre su trimestre) e l’ultimo PMI manifatturiero indica una maggiore debolezza in futuro.

Sul fronte dei prezzi i tassi di inflazione annuali continuano a scendere in tutta la regione. I tassi d’inflazione mensili più elevati registrati a gennaio in molti Paesi non hanno dissuaso le banche centrali dal ridurre i loro valori di policy. Il calo dell’inflazione ha portato anche a un calo delle aspettative di inflazione, inducendo le banche centrali a essere più accomodanti nell’allentare la politica. Gli effetti di El Nino, più lievi del previsto, hanno anche ridotto il rischio di picchi di inflazione alimentare quest’anno. Il Cile, ad esempio, ha deciso di tagliare il tasso di riferimento di 100 pb nella sua ultima decisione. Nella sua ultima dichiarazione, la banca centrale del Messico (Banxico), l’ultima banca centrale latino-americana rimasta in stand-by, ha suggerito di essere aperta a tagliare i tassi, pur riconoscendo il rischio di rialzo dell’inflazione. Con aspettative di inflazione a fine 2020 al 3,8%, l’orientamento monetario è al momento molto rigido, con un tasso reale del 7,5%. Un tasso reale elevato sta anche mettendo sotto pressione l’attività in Colombia, che ha registrato una crescita inferiore al previsto per tutto il 2023.

Le ultime letture sull’inflazione di fondo sia in Brasile che in Messico, tuttavia, non offrono alcun margine di tranquillità alle due banche centrali. L’inflazione di fondo stagnante, insieme alla preoccupazione fiscale, esclude probabilmente un taglio dei tassi più aggressivo in Brasile. Tuttavia, il mercato sembra aver già compreso che il Brasile non sarà in grado di raggiungere un saldo primario quest’anno. La crescita più sostenuta, trainata dal settore petrolifero, e i tassi d’interesse più bassi dovrebbero tuttavia sostenere la performance fiscale. Continuiamo a preferire il real brasiliano (BRL) per il suo elevato tasso reale e per il solido conto estero. Con le aspettative di inflazione a fine 2024 al 3,8% e il tasso terminale al 9,5%, il tasso reale sarebbe ancora quasi del 6% a fine anno.

In Messico ci aspettiamo che Banxico inizi a tagliare i tassi a marzo o a maggio, a seconda della lettura dell’inflazione di febbraio. Dato che l’inflazione di fondo è ancora vischiosa, il mercato del lavoro rimane rigido (il tasso di disoccupazione rimane ai minimi storici) e ci aspettiamo un’ampia spinta fiscale in un anno elettorale, Banxico probabilmente non avrà molto spazio per tagliare il suo tasso di policy dall’attuale 11,25%. Un taglio di 200 punti base lascerebbe comunque il tasso reale solo leggermente inferiore a quello del Brasile entro la fine del 2024.

Anche in Colombia l’inflazione di fondo rimane stabile, sebbene la banca centrale probabilmente intensificherà i tagli dei tassi a causa della debolezza dell’economia. Le aspettative di inflazione a fine anno rimangono superiori all’intervallo target, ma le aspettative di inflazione a medio termine si sono spostate nella giusta direzione. Il mercato prevede circa 450 punti base di tagli quest’anno, che porteranno il tasso di policy all’8,25% e il tasso reale ex ante al 3% entro la fine del 2024, molto più basso dell’attuale 7,5%. Oltre al venir meno del carry, è aumentato anche il rischio fiscale della Colombia. Sebbene la performance fiscale sia stata buona nel 2023, il governo ha annunciato che il suo obiettivo di deficit fiscale per il 2024 sarà più alto, pari al 5,3%, più vicino al deficit realizzato nel 2022. Entrambi i fattori metteranno probabilmente sotto pressione il peso colombiano.

Con la stagnazione dell’economia, la banca centrale cilena è diventata più aggressiva nelle sue politiche di allentamento. L’inflazione è stata volatile negli ultimi tempi, ma sta scendendo rapidamente su base annua. Il mercato si aspetta ulteriori tagli di 300 punti base, che porteranno il tasso di policy al 4,25% e il tasso reale all’1,25%. Il peso cileno ha già perso circa il 10% su base annua e potrebbe subire ulteriori pressioni, soprattutto se la banca centrale riavvierà il programma di accumulo di riserve valutarie. In Perù, il processo di disinflazione è stato agevole e l’inflazione complessiva ha già raggiunto l’obiettivo del 3%. Ci aspettiamo che la banca centrale continui a tagliare i tassi per sostenere l’economia. Il mercato prevede un allentamento di 150 pb per quest’anno, che porterà il tasso di policy al 4,75% e il tasso reale al 2%. Come in Cile, anche in Perù i tagli dei tassi continueranno a mettere sotto pressione il sol peruviano (PEN).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!