Goldman Sachs ancora scettica sulle criptovalute

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal e come spiegato da Cryptonomist.ch, il Cio di Goldman Sachs Sharmin Mossavar-Rahmani ha dichiarato che i clienti della banca non mostrano interesse verso le criptovalute. Ciò nonostante l’aumento recente dei prezzi e l’interesse manifestato da altri grandi attori della finanza tradizionale.

Un motivo principale per il suo scetticismo è la mancanza di un modo affidabile per valutare il valore delle criptovalute. Come ha affermato: “Se non puoi assegnare un valore, allora come puoi essere rialzista o ribassista?” Mossavar-Rahmani ha anche criticato l’industria delle criptovalute per ciò che ritiene essere ipocrisia. In particolare sottolineando che, nonostante le affermazioni sulla democratizzazione della finanza, le decisioni sono spesso guidate da un numero limitato di persone con controllo sul mercato.

A differenza di Goldman Sachs, molti dei suoi concorrenti hanno intrapreso azioni per entrare nel settore delle criptovalute.

Ad esempio, J.P. Morgan Chase ha lanciato la sua piattaforma blockchain nel 2020, impiegando ora oltre 100 persone in questo settore. Nel frattempo, Citigroup Inc. sta esplorando la tokenizzazione dei fondi privati.

Nel mondo degli investimenti, la domanda degli investitori per gli ETF non accenna a diminuire, ha di recente avvertito un esperto di Goldman Sachs.

Secondo Steve Sachs, direttore operativo globale di ETF Accelerator presso Goldman Sachs, non offrire agli investitori strategie di investimento attraverso gli ETF potrebbe essere un errore costoso per le aziende.

Sachs sottolinea che il costo opportunità di non offrire prodotti ETF potrebbe essere superiore ai potenziali benefici:

“Qualsiasi numero dei nostri clienti vi direbbe che il costo opportunità di non offrire prodotti ETF è maggiore.”

Se un’azienda non offre offerte di ETF, Sachs pensa che “alla fine quegli asset se ne andranno e andranno a un concorrente che lo fa”, come affermato:

“I nostri principali clienti istituzionali si sono rivolti a noi chiedendo: ‘Qual è il modo migliore per entrare nel mondo degli ETF? Come possiamo realizzare la nostra strategia, sia attiva che passiva, attraverso un veicolo ETF?”

Secondo Sachs, le richieste dei clienti riguardanti il lancio di ETF sono aumentate dopo l’approvazione della regola 6c-11 della SEC nel 2019, progettata per facilitare il processo di lancio di tali fondi.

“Anche se non possiamo considerarlo un vero e proprio boom, è sicuramente stato un catalizzatore significativo. L’intento era semplificare il lancio degli ETF, ma la realtà è che non è stato così semplice. A un certo punto, abbiamo ricevuto più di 41 richieste da clienti con lo stesso problema: ‘Come possiamo procedere rapidamente e avete la capacità di aiutarci?’”

Sachs ha affermato che potrebbero passare ancora anni prima che i clienti sviluppino le competenze, le risorse umane e il quadro di gestione del rischio necessari per lanciare un ETF.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!