Bond mercati emergenti: le opportunità secondo Generali Investments

Le valutazioni del debito estero dei mercati emergenti restano tese, anche dopo il mini selling-off di aprile. Ciò ha aperto un numero limitato di opportunità e gli spread dei mercati emergenti si sono effettivamente ristretti all’inizio di maggio”. Ad affermarlo è Guillaume Tresca, senior emerging markets strategist di Generali Investments, che di seguito illustra la view sul comparto.

Per esempio, lo spread dell’indice ICE Bank of America è inferiore al livello di aprile e vicino al minimo da sei anni. L’indice EMBIGD, esclusi i nomi in difficoltà, è di 30 punti base vicino al minimo del decennio.

A livello di rating, le prospettive non sono molto diverse e la maggior parte del valore rimane nella parte di bassa qualità del segmento High Yield. Questa parte è altamente idiosincratica e non può essere adatta a tutti gli investitori. Anche le altre parti del segmento High Yield, BB e B, si aggirano intorno ai minimi storici.

Tuttavia, non è tutto bianco o nero: a noi piace il comparto mercati emergenti con rating BBB. Infatti, i BBB si sono corretti e gli spread sono ora a livelli ragionevoli.

Gli EM Investment Grade hanno sottoperformato gli US Investment Grade dall’inizio dell’anno e questo dovrebbe portare ad alcuni flussi di fondi crossover verso il segmento mercati emergenti BBB alla ricerca del miglior rapporto tra rischio e rendimento.

Il potenziale di inasprimento non è importante, ma con un carry elevato e un effetto duration positivo, il rendimento totale sarà vicino al 5% entro la fine dell’anno.

In quest’area, non abbiamo praticamente modificato le nostre raccomandazioni: ci piacciono la Romania, che beneficia dell’ancora fiscale dell’UE, l’Ungheria, dove la risoluzione dei fondi UE è ben avviata, e il Messico che potrebbe vedere un po’ di sollievo dopo le elezioni generali di giugno. Panama è al limite del settore High Yield, ma le valutazioni convenienti e la diminuzione dei rischi politici potrebbero offrire un buon rapporto rischio/rendimento nel medio termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!