Mercati, dividendi: pagamenti record nel primo quarter a livello globale

Secondo l’ultimo Global Dividend Index di Janus Henderson, nel primo trimestre 2024 i dividendi globali sono arrivati a 339,2 miliardi di dollari, segnando un record per il periodo. La forte crescita sottostante del 6,8% è stata il motore principale della crescita, anche se il totale nominale è aumentato più lentamente (2,4%) a causa della riduzione dei dividendi speciali una tantum. Questi ultimi sono ancora relativamente alti rispetto alla maggior parte dei primi trimestri precedenti, il calo di quest’anno è dovuto a una base eccezionalmente alta nel 1° trimestre 2023, influenzato da due sole società.

A livello globale, il 93% delle società che hanno effettuato un pagamento nel primo trimestre ha aumentato i dividendi o li ha mantenuti invariati.

Il primo trimestre è tradizionalmente un periodo stabile in molte parti del mondo, ma i record del primo trimestre sono stati battuti in Svezia e Canada, mentre i pagamenti negli Stati Uniti hanno raggiunto un record assoluto. Due società di grandi dimensioni, Meta e Alibaba, hanno pagato i loro primi dividendi in assoluto, incrementando il totale globale del primo trimestre dell’1,2%.

Gli Stati Uniti hanno registrato un record trimestrale assoluto

La crescita dei dividendi negli Stati Uniti ha subito un’accelerazione nel primo trimestre, raggiungendo il record trimestrale assoluto di 164,3 miliardi di dollari, con un incremento del 7,0% su base sottostante. Il ripristino del pagamento di Walt Disney dopo la pandemia e i primi dividendi del primo trimestre di Meta e T-Mobile sono stati i principali fattori di questa accelerazione

L’Europa, escluso il Regno Unito, è stata frenata dalla bassa crescita della Svizzera e dai tagli in Danimarca, ma il secondo trimestre si preannuncia incoraggiante.

Il primo trimestre è tipicamente stabile in Europa ed è dominato dalla Svizzera, dove i pagamenti sono diminuiti in termini di franco svizzero – tutte le società svizzere del nostro indice hanno aumentato il dividendo per azione, ma i riacquisti molto ampi (ad esempio Novartis ha riacquistato il 5% delle sue azioni nel 2023) hanno superato i tassi di crescita dei dividendi. Il gruppo marittimo danese Moller Maersk ha effettuato un taglio molto consistente che ha contribuito a far scendere il totale europeo nel primo trimestre. In ogni caso ci aspettiamo che il secondo trimestre, importante dal punto di vista stagionale, mostrerà comunque una solida crescita in Europa.

In Asia, un taglio da parte di BHP in Australia ha fiaccato una crescita maggiore in tutta la regione, mentre la forte crescita in valuta locale in Giappone è stata oscurata dalla debolezza dello yen. Nel Regno Unito, la maggior parte delle società ha registrato aumenti piatti o a una sola cifra.

Le banche hanno rappresentato un quarto della crescita globale nel primo trimestre, con un aumento del 12%; la maggior parte dei settori ha registrato un aumento.

Il quadro settoriale è caratterizzato da una diffusa solidità. Le banche hanno rappresentato un quarto della crescita globale del primo trimestre, con un aumento del 12,0%. Solo 6 dei 35 settori che consideriamo nella nostra analisi hanno registrato una flessione e, a parte i trasporti (colpiti in particolare da Moller Maersk), tutti gli altri hanno registrato solo cali molto contenuti. La maggior parte dei settori ha registrato solidi aumenti sottostanti a una cifra.

Previsioni invariate e crescita sottostante attesa al 5%

Il primo trimestre è stato sostanzialmente in linea con le aspettative di Janus Henderson. Il resto dell’anno continua a promettere progressi costanti. Janus Henderson non ha modificato la sua previsione di pagamenti totali, pari a 1,72 trilioni di dollari. Grazie alla riduzione dei dividendi speciali, l’incremento nominale sarà del 3,9% su base annua, equivalente a un aumento del 5,0% su base sottostante. Il primo trimestre è stato sostanzialmente in linea con le aspettative di Janus Henderson. Il resto dell’anno continua a promettere progressi costanti. Janus Henderson non ha modificato la sua previsione di pagamenti totali per 1,72 trilioni di dollari. Grazie alla riduzione dei dividendi speciali, l’incremento nominale sarà del 3,9% su base annua, equivalente a un aumento del 5,0% su base sottostante.

Jane Shoemake, Client Portfolio Manager nel team Global Equity Income di Janus Henderson, ha commentato: Gli investitori hanno goduto di un ottimo inizio di 2024, con i prezzi delle azioni in aumento a livello globale e la crescita dei dividendi che ha continuato a mostrare il forte slancio sottostante raggiunto verso la fine del 2023. Abbiamo una ragionevole visibilità sui pagamenti nel secondo trimestre, periodo cruciale che vede picchi stagionali in Europa, Giappone e Regno Unito. Sebbene un ristretto numero di grandi società abbia annunciato tagli significativi ai dividendi, tra cui l’azienda energetica australiana Woodside, la società chimica tedesca Bayer e il gruppo minerario britannico Glencore, il quadro generale è quello di una persistente resilienza, soprattutto in Europa, Stati Uniti e Canada. Oltre al quadro ampiamente positivo a livello mondiale, le prime distribuzioni di Meta e Alibaba aggiungeranno quasi mezzo punto percentuale alla crescita globale di quest’anno. Società come queste stanno riconoscendo che il pagamento dei dividendi è una strada importante – al di là dei soli -riacquisti di azioni, per restituire capitale ai propri investitori”.

“In Italia – spiega Federico Pons, Country Head per l’Italia di Janus Henderson Investors – gli aumenti costanti a una cifra da parte delle società che staccano dividendi nel primo trimestre hanno portato al 5,3% di crescita sottostante. Un significativo programma di riacquisto di azioni da parte di Eni ha fatto sì che il totale pagato crescesse molto più lentamente del dividendo per azione dichiarato”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!