Asset Manager: a settembre il patrimonio cala del 10%

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 9 Ottobre 2008 | 13:05
Era normale attenderselo: dopo circa un mese di ribassi consecutivi, i primi a farne le spese sono i grandi gestori, che ovviamente vedono il patrimonio gestito assottigliarsi. Franklin e Invesco, così come altri gestori, riportano patrimoni in calo a settembre, dato che probabilmente verrà rivisto (al ribasso) alla fine di ottobre.

Franklin Resources Inc e Invesco Ltd, due dei più grandi asset manager degli Stati Uniti, hanno registrato un calo delle masse in settembre.

Franklin ha dichiarato che le masse gestite sono calate del 10% in settembre: il patrimonio gestito scende così a 507,2 miliardi di dollari contro i 563,5 miliardi di un mese prima. Nell’ultimo trimestre, le masse sono calate complessivamente del 12,6% rispetto il dato dello scorso 30 giungo, quando il patrimonio era di 580,2 miliardi di dollari.

Invesco, alla fine di settembre, disponeva di un patrimonio di 409,6 miliardi di dollari, in calo dell’8,9% rispetto al mese precedente (449,8 miliardi). Alla fine di giugno, il patrimonio è sceso dell’11,2% a 461,3 miliardi di dollari.

A livello di asset class, Franklin spiega che la componente equity è scesa a 263,2 miliardi di dollari alla fine di settembre, dato che si paragona con i 300 miliardi del mese precedente.

Invesco,  ha rilevato un calo dei patrimoni dei prodotti monetari pari al 13% per un Aum totale di 81,1 miliardi di dollari. Franklin, invece, ha visto crescere gli asset dei monetari a 7,3 miliardi di dollari alla fine di settembre, contro i 7 miliardi del mese precedente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il problema del differenziale denaro/lettera per gli investitori in Etf

Cambiamento climatico, opportunità di investimento sugli Emergenti

Accelerano innovazione e disruption: ecco gli impatti sugli investitori

NEWSLETTER
Iscriviti
X