Crac Islanda e Ungheria, 18 miliardi dal Fmi

A
A
A
di Redazione 7 Novembre 2008 | 10:43
Il Fondo monetario internazionale insieme con Polonia, Paesi scandinavi, Regno Unito e Olanda fornirà nei prossimi giorni all’Islanda, che sta attraversando una recessione economica più grave del previsto, 6 miliardi di dollari sottoforma di aiuti finanziari. Mentre 12 miliardi finiranno nelle casse dell’Ungheria.

L’Islanda potrebbe ricevere presto 6 miliardi di dollari sottoforma di aiuti finanziari da un gruppo di paesi dell’Unione europea guidati dal Fondo monetario internazionale.

Nel dettaglio, il gruppo è composto da Polonia, Paesi scandinavi, Regno Unito e Olanda. E’ proprio un 2008 da dimenticare per l’Islanda, ieri, dopo la drastica riduzione di tre punti percentuali e mezzo del tasso di interesse decisa non più tardi di due settimane fa, ha elevato i tassi di interesse, a sorpresa, portandoli a quota 18%. E a ottobre il rating dell’isola è sceso a A3.

Tra i motivi che possono aver spinto il governo a prendere una decisione del genere ci sono, le difficoltà in cui sono finite le banche islandesi, alcune sono state già nazionalizzate, il crollo della valuta, l’inflazione galoppante e la pesante crisi del settore immobiliare. La Banca centrale d’Islanda ha, inoltre, annunciato una recessione più grave del previsto, con un Pil in caduta dell’8,3% l’anno prossimo, contro il -2% stimato a luglio, e un’inflazione che supererà il 14%, contro il 7,6% ipotizzato in precedenza.

Il Fmi ha già pronti 2,1 miliardi di dollari, ma l’approvazione da parte del board è stata rinviata a lunedì 10 novembre. Arriveranno fondi anche dalla Norvegia e dalle Isole Far Oer rispettivamente per 500 e 51 milioni di euro.

E per quanto riguarda l’Ungheria il Fmi ha approvato un prestito da 12,3 miliardi. Il prestito, annunciato il 28 ottobre e adottato secondo la procedura d’urgenza, prevede l’immediato sblocco di 4,9 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin valuta legale: i dubbi dell’Fmi sulla decisione di El Salvador

Proposta Fmi: tassa globale sui più ricchi per sostenere la ripresa

Mercati, Wall Street: volumi in calo ma nuovi top in vista in scia all’Fmi

NEWSLETTER
Iscriviti
X