L'ora del multibusiness

A
A
A
di Redazione 2 Dicembre 2008 | 12:30
Per il mercato dei mediatori creditizi è stato un anno difficile ma ricco di sfide, ha spiegato ad ADVISOR Sergio Merisio, presidente di Capital Money, che, con una nuova formula di affiliazione e una nuova partnership ha potenziato le proprie offerte, puntando su un servizio sempre più completo e affidabile.

Può tracciarci un bilancio da inizio anno del mercato dei mediatori creditizi?

Nell’ultimo anno, complice la crisi del settore prima e quello del credito poi è stato necessario rivedere il ruolo del mediatore e capire quali fossero effettivamente i suoi punti di forza rispetto al servizio generalmente offerto sia dalle banche sia dai broker. Indubbiamente, ne è risultato uno scenario interessante: i mediatori creditizi nell’ultimo periodo hanno potenziato il proprio portafoglio di offerte ai clienti e si sono strutturati in modo da poter garantire un servizio il più completo e affidabile possibile. 
 
Ma come si è evoluta la figura del consulente creditizio negli ultimi mesi?
ci troviamo di fronte a un professionista del credito a tutto tondo, che deve essere in grado di capire le esigenze del cliente, ma anche saper prevenire i suoi bisogni. Recentemente abbiamo messo a punto una strategia multi business che permette al nostro consulente di essere consapevole delle opportunità che il mercato offre, preparandolo a una offerta al cliente ampia e qualificata, indipendentemente dal prodotto finanziario di cui ha bisogno e nell’ottica del miglior investimento possibile. 
 
Da oltre 20 anni siete presenti in Italia e recentemente avete lanciato un nuovo sistema studiato per l’affiliazione: New Light. 
In che cosa consiste?
Si tratta di una nuova formula di affiliazione commerciale che offre la possibilità al mediatore creditizio, che non ha una struttura propria, di diventare un vero e proprio imprenditore. Il sistema New Light ci consente di rendere più capillare il servizio, alleggerendo il neo imprenditore da alcuni costi, come quelli di struttura. In questo modo l’affiliato può scegliere se usufruire della struttura dei nostri punti vendita con una postazione operativa dedicata, dove sono già attive tutte le utenze, oppure se operare in completa autonomia, utilizzando direttamente il web.
 
E per quanto riguarda l’accordo commerciale stipulato con Unicasa? In cosa consiste nel dettaglio e quali opportunità offre?
Abbiamo scelto di dare vita a una partnership commerciale con questa rete di servizi di gestione e amministrazione degli immobili, perché intravediamo una reale novità di approccio al variegato mondo dei condomini. Crediamo che il rapporto di fiducia che si crea tra amministratore e condomino sia oggi un buon mezzo per veicolare i prodotti creditizi. Questo accordo apre per noi un nuovo mercato e offre agli amministratori di condominio aderenti a Unicasa un valore aggiunto nella proposizione dei servizi di credito al propri amministrati. Da un lato, dunque, Unicasa amplia così la gamma dei suoi servizi come cessione del quinto, prestiti personali e mutui casa. Dall’altro, Capital Money diversifica i propri canali distributivi, acquisendo nuove expertise sulle metodologie di contatto con il cliente.
 
Quale sarà la vostra strategia, invece, per quanto riguarda prodotti, figure professionali e filiali per il prossimo anno? 
Innanzitutto intendiamo rafforzare la nostra rete di vendita sul mercato, grazie soprattutto alla formula di affiliazione New Light. La previsione per il 2009 è quella di arricchire la rete di almeno 100 unità. Proseguiremo poi con la diversificazione dei prodotti in portafoglio, per consentire ai nostri consulenti di soddisfare il bisogno di credito della famiglia, offrendo al cliente quello che desidera e, soprattutto, calibrarlo alle sue possibilità, sfruttando uno dei nostri punti di forza, che è quello di avere buone convenzioni con i principali istituti di credito. 


Trovi tutti gli altri approfondimenti
sul mondo della consulenza
su Advisor.
Tutti i mesi in edicola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X