Attenti ai bond sulle carte di credito Vol.2

A
A
A
di Marco Mairate 26 Novembre 2008 | 16:55
Sembra ormai che ci sia consenso unanime su quella che sarà la prossima bolla dei nostri tempi: le carte di credito. Ad alimentare questa paura l’ultimo report di Moody’s Investors Service che evidenzia come le emissioni di titoli Abs legati alle carte di credito dei consumatori si sono improvvisamente fermata lo scorso settembre dopo una buona crescita per tutta la prima parte del 2009. Dei 63 miliardi di dollari in ABS scadenti nel 2009, 46 miliardi sono stati emessi da Bank of America, JPMorgan Chase e Citigroup.

L’agenzia di rating crede che anche per tutto il prossimo anno il mercato degli Abs coperti dai debiti di milioni di carte di credito non si riprenderà, anzi tutti I principali attori del mercato dovranno continuamente rivolgersi al Governo per trovare la liquidità necessaria.

Ovviamente il problema del carte di credito è legato ai consumi e alla capacità dei consumatori/clienti di far fronte ai propri impegni finanziari, rateizzati o meno.

E’ proprio il numero di persone che non riesce a pagare in tempo (o del tutto) la rata della propria carta di credito (o più di una ) che getta un’ombra su tutto il mercato del debito che trova le basi su questi pagamenti.

Sempre secondo Moody’s a settembre c’è stato un incremento del 17% nelle tasso di delinquency (il numero dei ritardi dei pagamenti delle rate oltre i 90 giorni) a cui si aggiunge un charge-offs in crescita del 45% rispetto il 2007 (i mancati pagamenti che vengono portati a bilancio come una svalutazione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Vaccini, così la loro distribuzione impatterà sulla crescita economica globale

Da Vontobel AM un nuovo fondo Abs

Investitori europei sempre più interessati all’obbligazionario americano

NEWSLETTER
Iscriviti
X