Cina, dati macro migliori delle stime ma grazie all’aumento della spesa pubblica

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 14 Settembre 2016 | 10:00

A cura di Wings Parteners Sim

I mercati finanziari hanno trovano un seppur parziale sostegno dai dati macroeconomi cinesi relativi al mese di agosto, risultati migliori delle attese degli analisti: dopo le indicazioni di una ripresa delle importazioni ad agosto sono infatti arrivate le conferme di un progresso della domanda con un aumento delle vendite al dettaglio del 10,6% rispetto ad un anno fa, meglio sia del 10,3% previsto che del 10,2% di luglio. Anche per quanto riguarda la produzione industriale si registra un aumento superiore alle aspettative (6,3% contro 6,1%), benché questo dato evidenzi nuovamente il fallimento di Pechino nel controllare la produzione in eccesso.

Tuttavia ad alimentare la ripresa del mese di agosto non è stato tanto un incremento degli investimenti privati, quanto la mano pubblica con il Governo che ha aumentato la spesa del 10,3% su base annua a fronte di entrate in salita del 6%. La Cina sta cercando di garantire una crescita stabile non solo attraverso politiche monetarie ma anche tramite un aumento del deficit dello stato, con i primi 8 mesi dell’anno che hanno visto un aumento delle uscite del 12,7% annuo a fronte di entrate in salita del 6%, una politica che nel Vecchio Continente resta ancora tabù.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, da Ubs AM un innovativo prodotto sul Nasdaq cinese

Asset allocation, sull’azionario cinese torna la volatilità ma niente paura

Investimenti, le migliori offerte del mercato cinese

NEWSLETTER
Iscriviti
X