Be presenta il piano industriale al 2019

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Settembre 2016 | 16:15

Be ha presentato alla comunità finanziaria le linee guida ed i target del Piano Industriale 2017-2019. “Questo Piano è per noi l’avvio della seconda fase del nostro viaggio – dichiara Stefano Achermann, ad di Be – la focalizzazione deve essere ora sulla crescita. Quelli fissati sono obiettivi che richiederanno grande impegno ma crediamo che siano alla nostra portata. Tra i traguardi che riteniamo di grande valore è il conseguimento di oltre la metà della nostra produzione sui perimetri esteri nel 2019. Questo è il segno che crediamo fortemente nel processo di internazionalizzazione del Gruppo iniziato nel 2010 e che pensiamo davvero possibile creare un player europeo capace di competere in ogni situazione. L’obiettivo è partecipare alla formazione del futuro dell’’industria dei servizi finanziari supportando i nostri clienti in ogni fase di questa delicata trasformazione”.

Principali target economico-finanziari del Piano di impresa al 2019

  • Valore dell Produzione atteso: > di Euro 200 milioni, in crescita del 74% rispetto al 31 dicembre 2015 (Euro 115,4 milioni), oltre il 50% da perimetro estero.
  • Margine operativo lordo (EBITDA): > di Euro 28 milioni, in crescita del 90% rispetto al 31 dicembre 2015 (Euro 15 milioni). Il 75% di tale valore è atteso essere originato dal segmento Business Consulting.
  • Indebitamento finanziario netto: in sostanziale equilibrio e prossima a zero, con un miglioramento rispetto al 31 dicembre 2015 (Euro 7,1 milioni) incluso di impieghi attesi per M&A di Euro 20 milioni, investimenti per Euro 8 milioni e dividendi per Euro 6 milioni.

Principali linee guida strategiche per segmenti di business

  • Segmento Banking: previsti investimenti significativi per lo sviluppo ulteriore delle competenze, con un crescente orientamento verso i mercati internazionali, attraverso la progressiva integrazione della rete geografica già presente (Italia, Germania e UK).
  • Segmento Insurance: evoluzioni rilevanti delle piattaforme proprietarie nel ramo Vita, in termini di nuove funzionalità e standard tecnologici; introduzione sul mercato italiano delle soluzioni realizzate in ambito multi-canale in geografie non domestiche, e sviluppo della “practice Consulting”.
  • Segmento Entertainment: focalizzazione su nicchie di mercato ad elevata visibilità, facendo leva sulle competenze di marketing sviluppate nel Gruppo negli ultimi tre anni.
  • Altri mercati: mantenimento del posizionamento nei segmenti di presenza sui mercati “Energy” e “Public Sector”, con un rafforzamento delle competenze distintive in specifici segmenti del mercato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azioni Star, BE: confermate le aspettative 2021 e 2022

Be acquisisce il 60% di Fimas

Be, ok il primo semestre 2016. Ora i nuovi target del piano industriale

NEWSLETTER
Iscriviti
X