Morningstar, arriva l’Analyst Rating anche per gli Etf

A
A
A
di Finanza Operativa 19 Settembre 2016 | 14:20

Morningstar, leader nella ricerca indipendente sugli investimenti, ha annunciato che entro la fine dell’anno anche gli Etf saranno coperti dall’Analyst Rating, il giudizio qualitativo degli analisti Morningstar. Gli investitori avranno un nuovo strumento a disposizione per confrontare tutti i tipi di fondi. Morningstar inizerà ad assegnare l’Analyst Rating a circa 300 Etf a livello globale, di cui un centinaio domiciliati in Europa e aumenterà la copertura nel tempo.

Il Morningstar Analyst Rating esprime il livello di convinzione del team di analisti Morningstar sulla capacità di un fondo di sovraperformare i propri concorrenti, inclusi fondi comuni ed Etf, in termini di rendimenti aggiustati per il rischio e su un ciclo di mercato completo. La scala di rating prevede cinque possibili giudizi (Gold, Silver, Bronze, Neutral e Negative) e si fonda su cinque pilastri di analisi che stanno alla base della metodologia Morningstar: persone, processo, società, performance e costi.

“Gli Etf vengono sempre più utilizzati in maniera strategica e la gamma di replicanti disponibili continua a crescere e gli investitori hanno bisogno di aiuto per prendere decisioni più consapevoli. Negli ultimi otto anni, abbiamo prodotto rapporti di ricerca e analisi su circa 650 Etf a livello globale; l’assegnazione dell’Analyst Rating agli Etf è una naturale evoluzione della nostra ricerca al fine di sostenere sempre gli investitori finali nelle loro scelte”, ha così commentato Hortense Bioy, Responsabile europea della ricerca sui fondi passivi di Morningstar.

I nuovi rating qualitativi per gli Etf saranno disponibili sulle tutte le piattaforme Morningstar rivolte agli investitori, tra cui il  sito Morningstar.it, Morningstar DirectSM, Morningstar® Advisor WorkstationSM e Morningstar OfficeSM. Saranno disponibili su licenza anche su Morningstar® Data. Maggiori informazioni, tra cui la metodologia, video e Q&A sono disponibili cliccando qui.

Inoltre, Morningstar ha rivisto la metodologia del rating quantitativo (più noto come le stelle). Le commissioni di ingresso non saranno più considerate nel calcolo del rating, a partire dal 31 ottobre 2016. La metodologia aggiornata del Morningstar Rating è disponibile cliccando qui.

“Sempre meno investitori pagano commissioni di ingresso e di vendita al momento della sottoscrizione di un fondo a livello globale. Da qui la nostra decisione di escludere queste commissioni dal calcolo del rating quantitativo. Quando abbiamo messo a punto la metodologia di questo rating, queste fee erano molto più comuni e pensavamo fosse necessario evidenziare il costo per gli investitori. Oggi, invece, il mercato è cambiato”, ha così precisato Bioy.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X