FT: per le norme sul “bail-in” si avvicina il test decisivo

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 6 Dicembre 2016 | 13:14

NORMATIVA BAIL-IN AL TEST ITALANO – Che possibilità ci sono per il sistema bancario italiano di evitare l’applicazione della legislazione europea sul “bail-in” che prevede la possibilità che una banca ottenga aiuti di stato solo dopo che almeno l’8% delle sue passività è stato pagato, nell’ordine, da obbligazionisti junior e ove necessario da obbligazionisti senior e da grandi depositanti?

FT: QUESTIONE DI VOLONTA’ POLITICA – Se lo chiede il Financial Times che cita fonti Ue secondo cui in casi eccezionali la legislazione comunitaria potrebbe essere sospesa, se vi è la volontà politica di farlo. In questo caso una sospensione temporanea delle norme sul “bail-in” consentirebbe all’Italia di mettere in sicurezza il suo sistema bancario, a partire da Mps, nel caso che i piani fin qui approvati si dimostrassero non realizzabili a causa della vacatio politica generata dalle dimissioni (per ora “congelate”) di Matteo Renzi dopo la sconfitta al referendum costituzionale.

RICAPITALIZZAZIONI PREVENTIVE – La normativa sul “bail-in”, del resto, non sembra essere vista di buon occhio da una parte almeno della classe politica europea e da quella italiana in particolare. Una soluzione potrebbe essere ricorrere a “ricapitalizzazioni preventive” attraverso misure di conversione volontaria di bond subordinati in azioni, come appena tentato dal Mps (e come secondo alcune indiscrezioni potrebbero tentare anche Banca Carige e Unicredit, ndr).

INTERVENTO ESM RESTA SULLO SFONDO – Ma se questo non bastasse, essendo anche rivelatosi utopistico sperare in una soluzione privata ai problemi del settore (come col fondo Atlante, ndr), il ricorso ad aiuti di stato o finanche all’intervento dell’European stability mechanism (Esm, il fondo salva stati europeo), previa applicazione delle norme sul “bail-in” che la Germania e l’Olanda continuano a ritenere inviolabili, potrebbe essere l’unica strada percorribile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Bail-in, rischi e rendimenti. Se ne parla sul canale di Banca Mediolanum

Padoan: “Nessun rischio bail-in per le banche italiane”

Ti può anche interessare

La gufata del venerdì: una nuova bolla immobiliare

Le parole immobiliare e bolla nella stessa frase bastano da sole a evocare fantasmi del recente pass ...

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La raccolta netta di risparmio gestito (escluse le deleghe assicurative di ramo I) del gruppo Anima ...

Dazi, mazzata al made in Italy

Il Wto dà il via libera ai dazi Usa, sull’Europa scattano nuove tariffe per 7,5 miliardi di e ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X