Private Debt italiano: analisi e differenze con il mercato tedesco

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Settembre 2016 | 13:00

A cura di Anthilia Financial Consulting
Dal 2010, in Germania sono stati aperti diversi listini dedicati ai titoli di debito delle PMI (Entry Standard a Francoforte, Primärmarkt a Düsseldorf, Mittelstandsbörse Deutschland ad Amburgo-Hannover, M:access bond a Monaco, Bondm a Stoccarda). Una sostanziale differenza rispetto al mercato italiano ExtraMot PRO è l’apertura sia a investitori professionali sia al pubblico retail. Sulla piazza di Stoccarda è previsto che almeno il 50% di ogni emissione sia sottoscritto attraverso un canale elettronico diretto (senza agenti collocatori), al fine di permettere agli investitori retail di avere la stessa opportunità di sottoscrizione rispetto a quelli professionali.
Dagli ultimi dati pubblici disponibili, sul mercato tedesco sono stati emessi 164 bond di PMI ma si contano già 34 casi di fallimento, 8 casi di ristrutturazione del debito e 13 casi classificati come inadempienze probabili.
A nostro parere l’ondata di default nel private debt in Germania è principalmente legata a:

  • Apertura del mercato a investitori non professionali: secondo una stima di Scope solo il 10-20% dell’ammontare di titoli emessi è stato sottoscritto da investitori istituzionali. In un contesto di tassi ai minimi storici, la ricerca di rendimenti ha spinto molti piccoli risparmiatori a sottoscrivere bond di PMI, con operazioni caratterizzate da elevata asimmetria informativa, scarsa protezione dei creditori (covenant non adeguati) e scarsa liquidità. La domanda crescente ha spinto anche le PMI meno solide ad affacciarsi sul mercato dei capitali, con il risultato di un mispricing delle emissioni ed ex-post un’incidenza dei default superiore alle aspettative.
  • Difficoltà specifiche legate al settore delle energie rinnovabili tedesco: il 46% dei casi di fallimento (dati Scope) riguarda imprese legate alla fornitura di componenti e attrezzature per la conversione di energia solare ed eolica o allo sviluppo di impianti ad energie rinnovabili.
  • Accuse di frode: il 17% dei casi di fallimento (dati Scope) riguarda imprese accusate di falso in bilancio o altre truffe.

Il mercato del private debt italiano ha alcune caratteristiche che lo differenziano notevolmente dall’esperienza tedesca:

  • Apertura ai soli investitori professionali: i principali operatori attivi sul mercato sono fondi specializzati, gestiti da team di professionisti nell’analisi del credito. Ogni emittente è quindi sottoposto ad adeguata due diligence all’interno di processi strutturati di selezione e investimento, al fine di limitare l’asimmetria informativa. Ogni emissione può essere sottoscritta solo se sono negoziati, e previsti nel regolamento, covenant specifici e altre clausole a tutela degli obbligazionisti. Tutti i processi sono supervisionati da appositi organi di controllo interni alle società di gestione (risk management, compliance). Inoltre, parallelamente ai team di gestione, il merito di credito degli emittenti è valutato da agenzie di rating specializzate e indipendenti, con metodologie appositamente costruite in base alle caratteristiche delle PMI italiane.
  • Diversificazione settoriale: il mercato non è concentrato su particolari filiere produttive, ma gli emittenti sono distribuiti su diversi settori tra loro anche poco correlati. I settori spaziano dall’estrazione di minerali all’alimentare, dall’abbigliamento alla fornitura di energia, dalla sanità all’industria del mobile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X