Piazza Affari lanciata verso nuovi rialzi: i titoli sotto la lente

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Settembre 2016 | 10:00

ntervista di Davide Pantaleo (TrendOnline) a Gianluigi Raimondi, analista tecnico e co-fondatore di Finanzaoperativa.com del 22 settembre 2016
L’indice Ftse Mib sta rimbalzando dal supporto dei 16.200 punti raggiunto nei giorni scorsi. Si aspetta ulteriori progressi nel breve?

Proprio nella seduta odierna il Ftse Mib è uscito sostanzialmente dalla fase di trading range di brevissimo termine, oltrepassando la resistenza statica posta a quota 16.500 punti. Ora però i corsi si apprestano a saggiare la media mobile a 50 giorni che grosso modo coincide in area 16.730 con l’analoga media mobile a 21 giorni. Solo oltre il livello appena segnalato potremmo affermare che dal punto di vista tecnico l’indice ha nuovamente cambiato rotta, in questo caso rialzista. Sopra i 16.730 punti avremo un primo obiettivo per il Ftse Mib a quota 17.115 punti e in seguito a 17.400 e a 17.665 punti, per poi spostare lo sguardo sull’area dei 18.000 punti. Nel caso in cui l’indice venisse respinto dai 16.730 punti, potrebbe di nuovo invertire la tendenza e proseguire nel ribasso che potrebbe riportarlo verso i 16.000 punti.
Personalmente propendo più per una ripresa del Ftse Mib anche perchè il segnale generato sembra essere abbastanza potente. Come al solito molto dipenderà da quello che faranno i titoli del settore bancario.

Partendo proprio dai bancari, qual è il suo giudizio su Banco Popolare e Banca popolare di Milano?

Per Banco Popolare graficamente il rialzo odierno sembra un movimento minimale, anche se la tenuta della soglia dei 2 euro fa ben sperare per un ulteriore rialzo del titolo. Almeno per il momento il test fondamentale si avrà a quota 2,27 euro dove transita la media mobile a 21 sedute e dove troviamo la resistenza dinamica discendente di medio termine. Oltre quota 2,27 euro gli obiettivi sarebbero 2,5/2,55 euro in prima battuta e più in alto a 2,75 euro, avendo cura di posizionare uno stop loss molto rigido sotto la soglia dei 2 euro.

Anche Banca Popolare di Milano ha beneficiato di un rimbalzo tecnico dal supporto statico di medio termine in area 0,33 euro. Questo sostegno sembra un po’ più importante rispetto a quello segnalato per Banco Popolare e di conseguenza anche il rimbalzo in atto dovrebbe essere più significativo. I prossimi obiettivi al rialzo li troviamo a 0,4/0,41 euro e a 0,425 euro, per poi guardare oltre la soglia di 0,45 euro. Chi volesse acquistare Banca Popolare di Milano dovrà fissare uno stop loss sotto 0,33 euro.

Come valuta il rally messo a segno oggi da Saipem? Il rialzo è destinato a proseguire nel breve?

Mi piace Saipem perchè ha dato vita ad un rimbalzo da un supporto dinamico di medio termine a quota 0,35 euro e sembra intenzionato a proseguire nell’allungo. Questo potrebbe riportare il titolo in breve tempo in area 0,4 euro prima e poi a 0,42 euro, oltre cui si guarderà a 0,44 euro. Un acquisto di Saipem andrà corredato da uno stop loss sotto 0,35 euro, tenendo presente che l’ascesa dei corsi è favorita dalla ancora ampia distanza dei principali indicatori e oscillatori tecnici dalla zona di ipercomprato.
Il titolo ha quindi le carte in regola per continuare a salire, motivo per cui valuterei un acquisto dello stesso sui prezzi attuali.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Piazza Affari?

Al di fuori del Ftse Mib segnalo Sias che oggi ha diffuso i risultati del primo semestre dell’anno. Il titolo sembra intenzionato a proseguire nel rimbalzo partito dal supporto statico di medio termine a 8,25 euro. Al rialzo i prossimi obiettivi sono individuabili a 8,75 euro e in seguito a ridosso dei 9 euro, suggerendo di fissare uno stop loss sotto quota 8,25 euro a quanti volessero acquistare il titolo.

Tra le blue chips uno sguardo a Prysmian che sia ieri che oggi ha dato vita a due strappi al rialzo. La corsa potrebbe proseguire visti anche i target di molte banche d’affari e un primo obiettivo per il titolo lo possiamo individuare oltre la soglia dei 25 euro. Per allungare ulteriormente il passo sarà essenziale una fase laterale di consolidamento almeno di breve termine, con baricentro di oscillazione intorno ai 23,4 euro. A chi volesse acquistare suggerisco di fissare uno stop loss sotto quota 23 euro, invitando a fare attenzione all’ipercomprato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: dollaro in cerca di conferme

Mercati: il punto tecnico settimanale su indici, valute e commodity di Sartorelli

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx future in cerca di conferme

NEWSLETTER
Iscriviti
X