Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

A
A
A

Secondo gli esperti di Amundi sono banche e politica i due freni maggiori alla crescita del Pil italiano. Ma agiscono anche cause strutturali profonde. Per il 2017 Pil salirà dell’1%

Luca Spoldi di Luca Spoldi27 ottobre 2016 | 11:14

BANCHE E POLITICA RALLENTANO LA CRESCITA – Perché la ripresa italiana è così lenta? Se lo sono chiesti anche gli analisti di Amundi, notando come a fine 2015 il Pil italiano fosse ancora a livelli di inizio millennio, avendo recuperato “in minima parte” quanto perso nel 2008. Secondo gli esperti sono due i fattori “che spiegano la sottoperformance negli ultimi 3 anni, se non altro perché permettono di distinguere chiaramente la situazione dell’Italia da quella della Spagna”, ovvero “le banche e la classe politica”

BASSI TASSI HANNO AIUTATO POCO – Oltre a questi due freni che“continuano ad esercitare pressione” sulla crescita italiana e si autoalimentano a vicenda, anche i bassi tassi d’interesse hanno generato un effetto favorevole sull’economia italiane minore che su quelle di altri paesi, mentre cause di lungo periodo come “la mancanza di trasparenza, la mancanza di concorrenza, e molteplici resistenze del mercato del lavoro così come del mercato dei beni e dei servizi” hanno portato a “una produttività stagnante rispetto a quella di paesi comparabili” e “meccanismi di determinazione dei salari e dei prezzi carenti, con conseguente perdita di competitività esterna, quando l’adesione all’euro non offre più alcuna possibilità di svalutazione”.

PESA ANCHE LA DEMOGRAFIA – Ultimo ma non meno importante fattore, la potenziale crescita italiana “è molto penalizzata da una debole crescita demografica”, il che ha riflessi anche sulla sostenibilità dell’ingente livello di debito pubblico. Il quadro è solo negativo, dunque? No, secondo gli uomini di Amundi, che notano come il recente miglioramento dell’occupazione indichi come gli effetti positivi del Job Acts non si siano esauriti, mentre gli interventi per ripristinare la competitività siano appena agli inizi.

PER IL 2017 PIL PUO’ SALIRE DELL’1% – Così guardando al 2017-2018, gli analisti ritengono “che la combinazione di un miglioramento del mercato del lavoro e dell’arresto della perdita di competitività dovrebbe proseguire e retroagire positivamente, anche se moderatamente, per l’economia”. Inutile però attendersi “un forte sostegno aggiuntivo” dalla politica fiscale, così la crescita attesa per il 2017 è attorno all’1%, con possibile revisione a seguito del referendum del 4 dicembre, “ma comunque inferiore a quella di altri grandi paesi della zona euro”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, il bilancio brinda con gli Etf

Amundi lancia due importanti iniziative green & sustainable development

Amundi, Dauphiné sarà il nuovo Head of Euro Alpha Fixed Income

Gestori in vetrina – Amundi

Etf, Amundi fa poker sul tasso variabile

Amundi, utili da applausi nel primo trimestre

Amundi, Ilaria Pisani Head of Asset Management Clients della business unit ETF per l’Italia

Amundi riordina i fondi in Lussemburgo

Salone del Risparmio 2019, atto secondo

Gestori e fondi, ecco i campioni del risparmio sostenibile

Amundi lancia il fondo che piacerebbe a Greta

Amundi, ambizioni e convenienza vengono per Prime

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Amundi

Amundi, utile alle stelle (grazie a Pioneer)

In arrivo in Italia gli Eltif, i “Pir” europei

Doppio ingaggio per Amundi

ASSET and the CITY: stasera parla Amundi

Così le sgr affiancano le reti

Etf, forte ripresa dei flussi a novembre

Etf, tripletta Sri di Amundi

Amundi, l’etf incontra l’intelligenza artificiale

Proli (Amundi): “Posizionarsi sui leader della sostenibilità fa la differenza”

Gestori al vostro servizio

Amundi, raccolta e utile da applausi

Perrier (Amundi): “Crediamo nell’Italia e puntiamo ancora su Milano”

ASSET CLASS in edicola: Amundi Sgr: “Gestori al vostro servizio”

Risparmio gestito, chi taglierà le commissioni (o sarà obbligato a farlo)

La manovra italiana sotto la lente del gestore

Amundi, utili e raccolta a gonfie vele

Etf, raccolta in picchiata

Amundi, il mercato italiano affossa il titolo

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Amundi, Pottier a capo degli investimenti responsabili

Ti può anche interessare

Italia, lo spread resta sopra 280

Per Bruxelles nel 2019 l'espansione del pil si fermerà allo 0,2%. Escluse per il momento manovre co ...

Il bitcoin dopo il disastro rialza la testa

Dopo la grande caduta, per il Bitcoin arriva un momento di ripresa. Dal minimo annuale, a 3.127 doll ...

Bank Of America Merrill spiega la bond mania

Sui mercati torna soffiare forte la bond mania. Almeno stando a un rapporto di Bank of America Merri ...