Piazza Affari in calo, rischio referendum pesa su comparto bancario

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi 18 Novembre 2016 | 17:24
Piazza Affari chiude in calo, complice nuove cadute per i titoli bancari, a partire da Bpm e Banco Popolare. Brilla invece Stm: Bozotti parla di crescita in accelerazione

PIAZZA AFFARI SI PREPARA AL PEGGIO – Piazza Affari si prepara al peggio, ossia ad una vittoria del “no” al referendum del 4 dicembre prossimo che potrebbe aprire una crisi di governo, e perde quota, coi titoli del comparto finanziario che risentono anche della parole di Mario Draghi (presidente della Bce) che ammonisce: le banche italiane sono ancora troppo poco redditizie e debbono liberarsi quanto prima del fardello degli Npl. Il che significa nuovi tagli dei costi, dismissioni e ricapitalizzazioni. Così a fine giornata il Ftse Mib perde l’1,75%, il Ftse Italia All-Share cede l’1,59%, mentre il Ftse Italia Star resta a -0,02%.

STM SALE DOPO DICHIARAZIONI BOZOTTI – Nella giornata non sono comunque mancati i segni positivi tra le blue chip italiane, con Stmicroelectronics che è salita di quasi 2 punti dopo che l’amministratore delegato Carlo Bozotti ha parlato di segnali di accelerazione della crescita nel secondo semestre, mentre anche Italgas dopo un buon giudizio di Credit Suisse è riuscita a recuperare tre quarti di punto chiudendo a 3,16 euro. Guadagni attorno al mezzo punto hanno segnato anche Fiat Chrysler Automobiles e Campari.

BANCHE E PETROLIFERI ANCORA IN ROSSO – All’opposto continua la caduta di Bpm e Banco Popolare, destinate a fondersi dal prossimo gennaio ed entrambe in calo di oltre il 5%. Quattro punti di perdita toccano pure a Mediobanca, che oggi ha annunciato il lancio di un’Opa parziale su due emissioni obbligazionarie Lower Tier 2, oltre che per Banca Carige tra le mid cap, mentre Ubi Banca e UnipolSai chiudono poco sopra il 3,5% di perdita ciascuna. La discesa del greggio ha portato nuove vendite sui petroliferi; tra i titoli minori non si arresta la caduta di Stefanel (-6,28% a 10,74 centesimi per azione).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Risiko Banche, occhi puntati su Unicredit

Banche, quanto sono costati quei diamanti galeotti

Unicredit, cosa c’è sul Banco

NEWSLETTER
Iscriviti
X