Fondi hedge – chi sale e chi scende

A
A
A
di Marco Mairate 29 Dicembre 2008 | 11:00
Prosegue il momento difficile per i grandi gestori hedge americani. Il calo delle performance e la conseguente caduta dei ricavi (derivante in larga misura dalle commissioni di gestione) sta costringendo diversi gestori a ridurre il personale o tagliare i costi sugli uffici.

Nel primo gruppo troviamo Glenview Capital, società di gestione hedge gestita da Larry “L-Train” Robbins (nella foto), che ha deciso di ridurre il proprio organico di 12 unità a fronte degli 85 impiegati che lavorano negli uffici. Robbins gestisce circa 7 miliardi di dollari (dati del 2007) e lo scorso anno è finito tra i 100 miglior trader secondo la rivista Trader Monthly.

La società di Robbins gestisce due fondi, il primo (Glenview Funds), è un classico long short, e il secondo Little Arbor Funds è un fondo di tipo multi-strategy.

Secondo un articolo di Trader Monthly, Robbins ama puntare grosse fette dei suoi fondi su poche ma concentrate operazioni; il manager inoltre è conosciuto per essere un convinto actvist, cosa che non gli impedisce di scrivere a Ceo di aziende di cui controlla una quota e sbeffeggiare pubblicamente il loro operato.

Secondo il NYP, che ha riportato la notizia dei licenziamenti, solo le figure di medio basso livello saranno oggetto dei tagli mente nessun analista e trader sono interessati dalla decisione.

UFFICIO MA QUANTO MI COSTI

Sembrano finiti i bei tempi di quando a Wall Street gli uffici si affittavano a ritmi di 200 dollari per metro quadro.

I gestori hedge oggi pensano anche alle centinaia di migliaia di dollari che ogni anno spendono in uffici tra New York e Greenwich e cercano uno modo per risparmiare denaro.

Secondo la stampa di NYC, sarebbero diverse le società di gestione pronte a lasciare parte o tutto l’ufficio che occupano nel tantativo di limare sui costi.

Nel cuore delle Grande Mela, per esempio, fondi come Duff Capital Advisors, RiverPark Capital, SAB Capital e Sansar Capital Management hanno già messo in sub-affitto alcuni spazi dei loro uffici. Più a nord, a Greenwich, cuore residenziale della noblesse degli affari, altri due nomi importanti nel panorama hedge, Duff Capital e AQR Capital Management, hanno deciso di ridurre gli spazi ‘abitativi’.

SAB Capital Management, fondata da Scott A.Bommer, dispone di circa 11.000 metri quadri pronti da affittare al 21° piano del General Motors Building; AQR, manager quantitativo fondato da Clifford S. Asness e con un patrimonio di oltre 20 miliardi di dollari, dispone di un ufficio di 300.000 metri quadri proprio vicino alla stazione di Greenwich. AQR divide lo stabile con altri fondi hedge Lone Pine Capital, JD Capital Management e FrontPoint Partners, a loro volta cofondati dal fondatore di Duff Capital.  Secondo i ben informati, ora AQR starebbe cercando di affittare 65.000 metri quadri in un altro stabile.

I motivi sono ignoti ma facili da intuire.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X