Mercati – i minimi solo nel 2011, evitare il 'solare'

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 10 Dicembre 2008 | 14:39
Nessuna illusione per gli investitori. I recenti rimbalzi delle principali piazze finanziarie non convincono Lionel Rayon, gestore hedge in forza al fondo Cazenove European Alpha Absolute Return, secondo cui il mercato orso terminerà solo tra qualche anno.

Secondo l’esperto, i mercati finanziari non hanno ancora raggiunto il bottom che molto probabilmente si vedrà solo tra un paio di anni. Esattamente tra il 2010 e il 2011.

Il gestore crede che l’attuale debolezza dei mercati possa tradursi in un ribalzo dei corsi nel 2009 per poi scendere ulteriormente nel 2010-2011 quando si verificheranno i minimi del mercato.

Addirittura l’hedge fund manager si aspetta un ulteriore calo dei corsi nell’ordine del 30 percento per i prossimi due anni. I motivi sono semplici: il peggioramento del quadro economico e la caduta degli utili aziendali che si trasformeranno in “trimestri e trimestri di notizie negative”, facendo passare quello che è considerato come atipico la normalità.

(Nel grafico i principali attori del mercato delle cellule solari e la relativa quota di mercato. Fonte:greentechmedia)

SETTORI A PROVA DI CRAC

A livello di singole asset class, Rayon crede che le azioni rimangono a premio rispetto il mercato delle obbligazioni corporate, ritenuto sicuramente più interessante: “[il prezzo delle azioni] non sembra a buon mercato se si stima l’impatto della crisi sugli utili aziendali dei prossimi anni…inoltre l’equity sembra meno interessante dell’obbligazionario”.

Tra i settori preferiti da Rayon, il cui fondo  hedge negli ultimi dieci mesi ha segnato un progresso del 15,09% contro un calo medio del 40% per i principali indici, ci sono aziende telefoniche e farmaceutiche (per le loro caratteristiche difensive) mentre il suo fondo è ‘corto’ su titoli industriali sensibili agli investimenti.

Anche il solare è da evitare, secondo il gestore, un comparto “troppo, troppo caro”. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X