Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi3 gennaio 2017 | 15:44

KUWAIT E OMAN TAGLIANO PRODUZIONE – Buone notizie per l’oro nero: per il momento l’accordo raggiunto il mese scorso in sede Opec per tagli alla produzione regge e consente alle quotazioni di stabilizzarsi sopra i 55 dollari al barile. Anche il Kuwait e l’Oman hanno infatti ridotto la propria produzione rispettivamente di 130 mila e di 45 mila barili al giorno scendendo a 2,75 e a 1,01 milioni di barili al giorno.

BUONI SEGNALI MACRO DALLA CINA – Il taglio è stato comunicato nel giorno in cui, nonostante i dubbi di alcuni analisti, l’indice dei direttori acquisti della Cina si stabilizza vicino ai massimi post-2012, segnalando così che la domanda di petrolio da parte del secondo maggior acquirente mondiale potrebbe a sua volta stabilizzarsi.

PETROLIO SOPRA I 55 DOLLARI AL BARILE – Il risultato è il rimbalzo delle quotazioni del future per consegna febbraio sul Wti texano sui 55,05 dollari al barile, mentre il future per consegna marzo sul Brent del Mare del Nord sale a 58,23 dollari al barile. A Piazza Affari approfitta del mix positivo di notizie il titolo Saipem, che anche oggi guadagna l’1,43% e risale così a 56,7 centesimi per azione. Negli ultimi tre mesi il recupero del titolo (che a 12 mesi cede ancora il 40% abbondante) sfiora il 48%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Ti può anche interessare

Jerusalmi (Borsa Italiana): “Nessuna bolla sui Pir”

L’ad di Borsa Italiana sdrammatizza gli allarmismi sui piani individuali di risparmio. ...

Amundi affida gli emergenti a Syzdykov

Nel nuovo ruolo, il manager sarà responsabile di gestire e sviluppare la piattaforma di investiment ...

Efpa, oggi è il Deroma day. Il saluto di Ambrosi

Oggi il rinnovato consiglio di Efpa renderà ufficiale l'elezione del presidente. Mario Ambrosi, pre ...