Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi9 gennaio 2017 | 14:16

STERLINA SOTTO PRESSIONE – I crescenti timori che si possa arrivare ad una “hard Brexit”, con l’esclusione delle società britanniche e dei loro prodotti e servizi dal mercato unico europeo, pesa anche in questo avvio di 2017 sulla sterlina, che torna sui minimi delle ultime 10 settimane, con l’euro indicato a 0,8655 contro la valuta inglese, in rialzo dello 0,7% rispetto alla chiusura di venerdì.

IMMIGRAZIONE FARA’ SALTARE OGNI ACCORDO? –  In un’intervista al Sun di domenica la premier Theresa May è tornata a ribadire il concetto che lasciare la Ue significherà  “ottenere la giusta relazione, non mantenere una parte di partecipazione”. In particolare è il tema dell’immigrazione su cui la premier inglese non sembra disposta o in grado di accettare compromessi ed è su questo terreno che potrebbe perdere l’accesso al mercato unico, commentano oggi gli analisti.

HARD BREXIT QUASI CERTA – Secondo alcuni esperti, tra cui Tullia Bucco di Unicredit, citata da Bloomberg, la hard Brexit “è quasi una certezza” e l’unico dubbio vero che rimane “è se la transazione sarà graduale (e pertanto ordinata) o improvvisa”. Theresa May ha promesso di offrire maggiori dettagli sul piano messo a punto per gestire la Brexit “nelle prossime settimane”, ma questo lasso di tempo potrebbe portare ulteriori pressioni sulla divisa britannica.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Ti può anche interessare

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Ora tutte le ipotesi sono plausibili: dall'addio all'Europa senza accordo, all'avvento di un secondo ...

Consulenti, 5 consigli per motivare il team di lavoro

Ecco alcuni preziosi e utili suggerimenti su come i manager delle reti possono mantenere alto il mor ...

Risparmio gestito: finisce l’era dei soldi facili

Baronio (Bain&Co.): “A rischio il modello di business di alcune sgr” ...