Petrolio: cinque cose da tenere a mente secondo WisdomTree

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi10 gennaio 2017 | 14:12

INVESTIRE IN PETROLIO, COSA SAPERE – Volete investire nel petrolio? Allora dovete conoscere almeno queste cinque cose, secondo gli esperti di WisdomTree. Primo, occorre distinguere tra i diversi benchmark di mercato. Il mercato tende infatti a seguire principalmente le quotazioni di due tipi di petrolio: il Brent del Mare del Nord ed il greggio Wti (West Texas Intermediate), entrambi riferiti a petrolio di tipo “sweet light crude”. Esistono comunque anche altri benchmark, come il Dubai/Oman, punto di riferimento per il mercato asiatico.

OCCHIO ALL’OPEC – Secondo, occorre prestare attenzione alle manovre dell’Opec. I 13 paesi membri (l’Indonesia ha di recente sospeso la sua adesione) producono circa un terzo del petrolio mondiale e hanno raggiunto un accordo a fine novembre per limitare la produzione, ma i mercati erano in attesa di capire cosa avrebbero fatto i maggiori produttori di petrolio non appartenenti al cartello, come la Russia e gli Stati Uniti. La prossima riunione dell’Opec è prevista per il 25 maggio 2017.

LA CINA VA MONITORATA – Terzo, la Cina è la seconda economia mondiale per dimensioni e, subito dopo gli Usa, il principale consumatore di petrolio. È inoltre uno dei maggiori importatori di combustibili liquidi. Per quanto  l’economia del Paese possa avere rallentato, parliamo comunque di un tasso di crescita del 6%-7% anno su anno. Va dunque monitorata costantemente.

MOLTE VARIABILI – Quarto, il prezzo del petrolio è sensibile non solo alle dinamiche dell’offerta ma anche ad altre variabili, come lo stoccaggio e le scorte. I fattori metereologici in Europa e in Nord America possono inoltre avere un ruolo di rilievo, così come il rischio geopolitico. Quest’ultimo è in grado di causare scompiglio in diversi modi, ricordano gli esperti di WisdomTree.

L’IMPATTO DEL TRADING – Quinto, anche se è possibile analizzare alcuni dei fondamentali macroeconomici, numerosi contratti sul petrolio sono in realtà negoziati da trader di breve periodo. Ciò significa che i prezzi non sono determinati unicamente dalla domanda e dall’offerta e nemmeno dal solo “sentiment”. La Commodity futures trading commission (Cftc) statunitense pubblica una relazione sulle posizioni nette detenute da investitori non commerciali, che consente di seguire i flussi finanziari.

USATE EXCHANGED TRADED PRODUCT – Pertanto, concludono gli esperti di WisdomTree, se volete gestire una posizione sul petrolio sappiate che si possono avere “view” di breve o di lungo periodo e che esistono Exchanged Traded Product  (Etn ed Etf) che consentono di gestirla sia sul Brent sia sul Wti. Gli Exchanged Traded Product sono strumenti passivi negoziati in borsa come un titolo azionario. Con tali prodotti è inoltre possibile adottare una posizione  lunga a leva se vi sentite rialzisti sulla transazione o anche una posizione corta a leva  se vi posizionate come ribassisti oppure a parziale copertura di un portafoglio “long”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etf, la tattica paga di meno

Etf, quando gli smart beta cambiano il benchmark

Etf a tutto investment grade con Ubs

Etf, raccolta in picchiata

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Etf, perché avranno successo tra i consulenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rivivi il webinar: Evoluzione dei mercati finanziari e nuovi modelli distributivi in Italia

Bnp Paribas Am, doppio ingaggio per gli Etf

Etf, gli smart beta piacciono un po’ di meno

Gli Etf sono un’arma di distruzione di massa?

WisdomTree e Etf Securities, affare fatto

Contenere la volatilità con gli ETF: missione possibile

Etf, un investimento smart ai tempi di Mifid 2

La guerra dei fondi

Una nuova guida per Spdr

J.P. Morgan AM, cinquina di Etf a Piazza Affari

Etf, proposta obbligazionaria di Spdr

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Etf, 25 anni in ascesa

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

Tra attivo e passivo: gli ETF Smart Beta

Il futuro è già presente

Giangrande (Deutsche Bank): “Come puntare sulla Cina con gli Etf”

Experience The Future – Consulta la Guida

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Amundi lancia un Etf Pir compliant

Smart BETA e factor investing: Consultinvest fa chiarezza

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Ti può anche interessare

Esma, un anno all’insegna di Mifid 2

L'autorità ha pubblicato il report annuale sull'attività ...

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

DOLLARO IN RIPRESA – Il dollaro recupera finalmente terreno, con l’euro che scivola a 1, ...

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

Partendo dalla valorizzazione del termine "coerenza", ecco il decalogo per il manager impeccabile ...