I danni dei suprime continuano a sentirsi

A
A
A
Avatar di Marcella Persola 23 Dicembre 2008 | 10:45
I subprime continuano a pesare nei volumi dei mutui e il settore immobiliare non sembra dare nessuna mano al segmento mutui. Prezzi in caduta ma transazioni al palo e anche per gli affitti…

La crisi dei mutui subprime non sembra rallentare. Secondo quanto riportato dal report “UK Non Conforming RMBS Q3 2008 Indices” di Moody’s il peso dei subprime continua a crescere. Nel terzo trimestre sui mutui residenziali è cresciuto fino all’11,2% mentre nel secondo trimestre era del 10%.

Inoltre le transazioni continuano ad essere esigue e la fiducia dei consumatori continua a scarseggiare. E neppure la caduta dei prezzi sembra aver dato un’iniezione di fiducia al settore. Secondo quanto riportato dalla società di consulenza di NMG, che raccoglie tutte le informazioni sul mercato anglosassone, i prezzi degli immobili nel mese di novembre sono calati, ma il mercato immobiliare si mostra ancora molto lontano da una ripresa.

Infatti secondo i dati raccolti da Nationwide House Price Index i prezzi delle case sono calati del 13,9% anno su anno, mentre nel solo mese di novembre la diminuzione è stata pari allo 0,4%. E dal dipartimento economico del Nationwide House Price Index sottolineano che nonostante il calo dei prezzi non si può certo dire che le condizioni attuali facciano presagire una rapida ripresa del mercato. E’ vero che i prezzi sono scesi ma troppo poco per spingere i potenziali acquirenti a fare il grande passo.

Un altro segnale della difficoltà del mercato anglosassone il fatto che per la prima volta in 5 anni rallenta anche il mercato della locazione. Così come evidenziato da RICS il vomume gli affitti negli ultimi tre mesi sono scesi, soprattutto a Londra, nella zona del South Est dove il calo sarebbe stato del 33%. Questo perché in momenti di difficoltà piuttosto che locare si preferisce gestire al meglio le proprietà immobiliari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche – Ancora fallimenti in Usa e consolidamento in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X