Valute sempre in tensione!

A
A
A

Anche nel mercato dei cambi si vive alla giornata. La sterlina è in ripresa, si intravede la possibilità della parità con l’Euro. Il dollaro è salito e la percentuale di riserve nel terzo trimestre 2008 è aumentata al 64.5%.

Avatar di Redazione7 gennaio 2009 | 08:30

Tutto cambia ormai così velocemente da rendere ogni previsione un terno al lotto.
Anche il tempo, siamo infatti sommersi dalla neve come non lo eravamo da anni (forse qualcuno ricorda la famosa nevicata del 1985) , e udite udite, ieri si leggeva che i ghiacciai artici si sono ripresi talmente velocemente da ritornare alle dimensioni del 1979 ! Alla faccia del surriscaldamento del pianeta!

Siamo quindi ormai in un periodo che diventerà statistica, la sterlina che svaluta, il freddo che cambia, la crisi che avanza, e chi più ne ha più ne metta. In questo quadro, che sembra fosco, ma forse più di tanto non lo è, viviamo alla giornata, nel senso che ogni giorno il mercato ci mette di fronte a nuove sfide, incognite, e anche di conseguenza, rischi insieme ad opportunità. La sfida è certamente affascinante, ma mette a dura prova le coronarie.

Dagli Stati Uniti ieri sono arrivati dati interessanti nel senso di diversi tra di loro nelle letture e interpretazione. L’Ism del settore dei servizi è salito a 40.6 in Dicembre rispetto al 37.3 di novembre e rispetto ad un consensus di 36.5. Per converso la vendita delle case esistenti è scesa del 4% in Novembre rispetto al 4.6 di ottobre , così come gli ordini all’industria sono scesi del 4.6% sempre a Novembre rispetto al 6% del mese precedente. Infine, dopo la pubblicazione della minuta della Fed, nel quale si legge che i tassi resteranno bassi per lungo tempo, ha parlato il neoeletto presidente Obama, spiegando che il deficit Usa arriverà quest’anno a mille miliardi di dollari (1 trillion $).

Ma il dollaro è salito lo stesso, trascinato dalle notizie di calo dell’inflazione in Europa, fatto che andrebbe ad aumentare le possibilità di un taglio da parte della Bce nel medio termine. Altro dato statistico rilevante è il fatto che la percentuale di riserve in dollari nel terzo trimestre 2008 è andata aumentando dal 62.9% al 64.5% (dati del Fondo Monetario Internazionale). Nel medio periodo questa forza del dollaro è sostenibile ? Dati i numeri è pensabile di no ed è forse possibile una ripresa della moneta unica nel medio termine.

Accanto all’Euro sta salendo la sterlina, che dopo il crollo degli ultimi 18 mesi, ha recuperato quasi 8 figure contro la moneta unica passando dalla quasi parità vista a fine 2008 a 0.9030 di ieri sera.
Che la valuta britannica sia sottovalutata lo si sa, ma che esista ancora la possibilità di vedere la parità, non è da escludere.
Si noti come di tutto il movimento rialzista partito a 0.7800 circa a Novembre, l’area data da 0.9000 rappresenti il 38.2% di ritracciamento, che se venisse violato aprirebbe la strada al test di 0.8750, ritracciamento successivo. La sensazione è che dopo questo test il mercato possa correggere almeno verso 0.9450, ma dato quello che è successo a settembre sull’Eurusd (da 1.5600 a 1.2300 senza correzioni), ogni operazione va valutata considerando l’idea di posizionamento di uno stop loss per evitare che la volatilità crei danni irreparabili nei portafogli.
La Bank of England domani ridurrà di 50 basis point i tassi portandoli all’1.5% e non si esclude un ulteriore futuro taglio di altri 50 punti base entro un altro trimestre se la congiuntura economica non darà segni di risveglio.

Per quel che riguarda i mercati emergenti segnaliamo il recupero del rand sudafricano che potrebbe anche, contro Euro tornare in area 11.20. In ogni caso il trend di rialzo di lungo periodo sembra a rischio.

Questo materiale è di proprietà intellettuale di Salex S.p.A.. Non può essere utilizzato né riprodotto, nemmeno parzialmente, senza il consenso e l’autorizzazione di Salex S.p.A.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Il vostro posto di lavoro sarà a rischio nei prossimi anni?

Bank of England tiene i tassi stabili, ma emergono divisioni nel board

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Bank of England lascia invariati tassi e quantitative easing

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Royal Bank of Scotland in calo a Londra dopo bocciatura stress test

Inflazione all’1% in Gran Bretagna, Carney per ora non cambia strategia

Bank of England conferma i tassi, ma potrebbe tagliarli entro l’anno

Bank of England vede frenata in arrivo, taglia tassi e riapre QE

Sorpresa, la Bank of England non taglia i tassi

La Bank of England lancia un acceleratore FinTech

Anche la Bank of England introduce un buffer di capitale

La Bank of England non intende alzare i tassi, per ora

Carney (BoE): per i tassi solo rialzi modesti e graduali

Costo del denaro fermo sullo 0,5% in Inghilterra

Tassi ancora fermi sulla sterlina, BoE teme frenata economia

Cerney (BoE) aumenterà i tassi entro fine anno?

I titoli italiani piacciono agli investitori

Svolta alla BoE, Carney primo governatore non inglese

Bce: tassi fermi ai minimi storici

Banca d’Inghilterra rivede le stime di crescita

Gli appuntamenti di oggi

Bce, confermato l’1%

Bank of England, una decisione che non convince

Etf, spunto dei metalli preziosi

Bank of England, nuovo piano di salvataggio da 50 miliardi di sterline

Ti può anche interessare

Robeco: “Nuova era per il credito”

Di seguito un commento a cura di Sander Bus (nella foto a destra) e Victor Verbeek (nella foto a sin ...

Consulenti, la formazione orientata all’utente finale

La formazione dovrebbe dedicarsi sempre più alla consulenza evoluta, quella che va oltre il prodott ...

Fisco e dichiarazioni, come cambiano le scadenze

Gli emendamenti proposti dalla maggioranza di governo, se approvati, faranno slittare il calendario ...