Outlook – Le opportunità del 2009 secondo Merrill Lynch

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 12 Gennaio 2009 | 10:20
Nessuna ripresa fino al 2011. A dirlo è Gary Dugan, numero uno di Merryl Lynch Global Wealth Management per Europa, Medio Oriente e Africa. Nel consueto outlook annuale, Dugan ha espresso preoccupazione per il 2009 e dubbi su una ripresa repentina dei mercati azionari: “niente suggerisce un rimbalzo entro il 2010”.

Dugan spiega che la paura di investire è talmente alta tra i clienti, he molti hanno scelto l’oro come ben rifugio su cui concentrare partire dei propri investimenti.

Fino a quando permarrà una tale paura verso i mercati, questi non potranno riprendersi, e spiega che le scelte politiche saranno fondamentali per decidere l’entità e la durata della crisi.

“I singoli governi dovrebbero offrire stimoli fiscali per rivitalizzare l’economia. La ‘semina’ per una ripresa dell’economia deve essere fatta nel 2009, ma se questa dovesse fallire potremmo dover affrontare una recessione di diversi anni” ha detto Dugan.

ATTENZIONE AI FALSI SEGNALI DEI MERCATI

Non bisogna farsi ingannare dai mercati e dai possibili segnali di recupero erratici: “Le azioni dei Governi per stimolare l’economia e il taglio dei tassi da parte delle banche centrali, potrebbero favorire dei rally sul mercato azionario nella prima parte del 2009. Cionostante gli investitori devono rimanere molto prudenti, perché parte di questi rally potrebbero vanificarsi già nella seconda parte dell’anno.

LE OPPORTUNITA’ PER IL 2009

Anche se il quadro generale è grigio, esistono diverse opportunità da sfruttare. Dugan consiglia di investire parte del portafoglio su corporale bond di standing elevato, azioni con alti dividendi e ottimo management, metalli preziosi (oro in testa). 

Il top manager consiglia di investire anche sul settore immobiliare, che in questo momento tratta a prezzi di saldo e potrebbe riprendersi già nella seconda parte dell’anno.

Una buona opportunità potrebbe essere anche il private equity. Il settore nelle precedenti crisi (nel 1991 e 2001) ha prodotto ottimi risultati che dovrebbero essere ripetibili nell’immediato futuro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Come costruire un portafoglio contro la crisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X