Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi1 febbraio 2017 | 17:13

ECONOMIA USA SEMPRE PIU’ IN SALUTE – L’economia americana mostra segni di riaccelerazione e Wall Street recupera terreno. Secondo quanto ha reso noto l’Institute for Supply Management, l’omonimo indice è salito a quota 56 in gennaio, toccando il livello più elevato dal novembre 2014, rispetto ai 54,5 punti di dicembre e contro attese di mercato pari a 55 punti.

ISM A LIVELLI RECORD DAL NOVEMBRE 2014 – L’indice Ism relativo ai nuovi ordini è invece salito da 60,3 a 60,4 punti, quello della produzione da 59,4 a 61,4 punti. Per entrambi gli indici si tratta anche in questo caso dei risultati migliori dal novembre 2014. La crescita robusta, estesa alla maggior parte dei settori industriali, sta continuando a sostenere anche le nuove assunzioni, col relativo indice balzato a 56,1 punti, in crescita per il quinto mese consecutivo e sui massimi dall’agosto 2014.

FRENA L’EXPORT, SALGONO I PREZZI PAGATI – Solo l’indice relativo agli ordini all’esportazioni ha leggermente tirato il fiato, scendendo dai 56 punti di dicembre (che aveva rappresentato il dato migliore dal maggio 2014) a 54,5 punti. Qualche segnale di tensione sul fronte dei prezzi, con l’indice dei prezzi pagati salito a 69 dai 65,5 punti del mese precedente. Così se Wall Street può sorridere col Dow Jones a +0,10%, l’S&P500 che oscilla a -0,05% e il Nasdaq in rialzo dello 0,29%, i bond hanno un motivo di preoccupazione in più e vedono il rendimento del decennale portarsi sul 2,50% e quello sul trentennale sul 3,09%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Governo, battibecco sulla crescita

Italia, S&P congela l’entusiasmo: crescita allo 0,7%

Schroders mette i mercati emergenti sotto i riflettori

Ti può anche interessare

Fed, 2019 senza acuti sui tassi

Niente più rialzi dei tassi d’interesse per quest’anno. Come riporta Milano Finanza, lo ...

Borsa, un 2019 pieno di cedole

La regina delle cedole sarà Intesa Sanpaolo, che distribuirà un dividendo di circa il 10% in rappo ...

Banche centrali: l’età dell’oro

A causa delle incertezze geopolitiche, gli acquisti di metallo prezioso sono ai livelli più alti da ...