Bce immobile come da copione

A
A
A
di Finanza Operativa 19 Gennaio 2017 | 15:54

La Banca centrale europea (Bce), senza sorprese, ha lasciato invariati i tassi d’interesse. I recenti segnali di miglioramento della crescita economica e dell’inflazione sono ancora troppo deboli, ha affermato il governatore Mario Draghi, per intervenire sui tassi. Quello principale rimane quindi fermo al minimo storico dello 0,00%, quello sui depositi bancari a -0,40% e quello di rifinanziamento marginale a 0,25%. E i tassi di interesse, in base a quanto affermato dall’Istituto, resteranno al livello attuale o più basso per un periodo prolungato di tempo, anche oltre l’orizzonte del piano di quantitative easing che, al momento, dovrebbe concludersi a fine 2017.

Da notare poi che, a detta di Draghi, “il differente andamento inflazione nei Paesi di Eurolandia è destinato a scomparire nel giro di qualche anno“. E che “la ripresa dell’Eurozona è zavorrata dalla difficoltà con la quale le riforme fanno presa nel Vecchio Continente, riforme che potrebbero incrementare ulteriormente i benefici della politica monetaria e che devono essere accelerate per combattere disoccupazione, crescita debole e favorire gli investimenti”. Infine, il governatore ha fatto notare che “le pressioni sui prezzi rimangono basse con un’inflazione “core” cioè depurata dagli energetici e dai prezzi degli alimentari freschi, che non mostra segnali di un convincente trend al rialzo”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, Eurozona: Btp un toccasana

Mercati: Bce forse pronta a rottamare il Pepp

Banche, ai soci 6mld di cedole

NEWSLETTER
Iscriviti
X