Lo Yen e l’azionario giapponese beneficiano dei movimenti dei Treasury

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Gennaio 2017 | 17:00

A cura di WisdomTree
Crediamo che all’inizio dello scorso anno lo Yen sia salito del 18.66% nei primi tre trimestri del 2016 in parte a causa del calo delle aspettative di rialzo dei tassi da parte della Fed nelle prime sei settimane dell’anno scorso. A partire dall’elezione di Donald Trump la situazione è drasticamente cambiata, in conseguenza del miglioramento delle previsioni sulla crescita futura del PIL e dell’inflazione, causando un deprezzamento dello Yen e un rialzo del Dollaro e dei tassi USA.
Ciò sta provocando un importante stimolo a sostegno dell’azionario nipponico e delle previsioni sugli utili per le multinazionali e gli istituti bancari del Paese del Sol Levante quest’anno.
Valuta a parte, il segmento azionario giapponese si è posizionato tra le asset class che hanno performato meglio dalla vittoria di Trump, con un rally superiore al 17%. Considerato il differenziale odierno dei tassi d’interesse, riteniamo che gli investitori desiderosi di ottenere esposizione sui mercati azionari nipponici o europei dovrebbero valutare l’ipotesi di una copertura monetaria.
Implicazioni sugli investimenti strategici di lungo periodo. Poiché il quadro finanziario è molto diverso rispetto a un anno fa, per gli investitori potrebbe essere arrivato il momento di aggiornare i portafogli e ribilanciarli di conseguenza. Riteniamo che i principali elementi da tenere in considerazione saranno il rialzo dei tassi d’interesse, le previsioni di crescita del PIL e le aspettative sui tagli alle imposte nazionali, implicando a nostro avviso un possibile orientamento sia verso l’azionario nipponico con copertura dal rischio di cambio che verso le small e mid cap statunitensi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Banco Bpm a UniCredit

Asset allocation: ancora buone opportunità dai titoli growth

Asset allocation: ecco cosa fare se gli Usa entrano in recessione

NEWSLETTER
Iscriviti
X