Italia a rischio con il rialzo dei tassi Usa

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Gennaio 2017 | 15:30

L’aumento dei rendimenti statunitensi può causare danni collaterali nella periferia dell’Eurozona, dove la crescita nominale è rimasta debole e il debito è alto, come nel caso dell’Italia”. Questa l’analisi di Yves Longchamp, Head of Research di Ethenea Independent Investors (Schweiz) AG, che spiega: “Mentre il rialzo dei tassi può essere giustificato negli Stati Uniti, dove l’economia si è per lo più ripresa dalla grande recessione, vivere in un mondo caratterizzato da alti rendimenti potrebbe rivelarsi particolarmente arduo per paesi come l’Italia, dove il rapporto debito complessivo/PIL (incluse le passività finanziarie) raggiunge il 160%, a fronte del 114% circa negli Stati Uniti, e la crescita annua nominale media negli ultimi cinque anni si è limitata all’1,7%, contro il 4% degli Usa”.

“Queste cifre – fa poi notare Longchamp – indicano che i rendimenti italiani possono salire fino all’1,7% e quelli statunitensi fino al 4% senza mettere in pericolo la sostenibilità del debito, a condizione che il disavanzo fiscale si mantenga su livelli accettabili”.

“Il dollaro statunitense – sostiene infine l’analista – è vigoroso e si è rafforzato dopo l’ultima riunione della Fed, avvalorando la nostra tesi secondo cui il biglietto verde non è troppo forte per l’economia statunitense ma lo è per il resto del mondo, in particolare per le economie che hanno legato la propria valuta alla divisa a stelle e strisce, ma anche per la periferia dell’Eurozona”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X