BPM, gli affari di Mazzotta convincono i fondi comuni

A
A
A
di Redazione 21 Gennaio 2009 | 13:10
Mercati finanziari in preda all’effetto Obama, o meglio ai cambiamenti. Per UniCredit continua il caso governance, con un altro “nulla di fatto”. Momento d’oro invece per BPM, affari su Anima SGR ed Intesa-TRADE, ed il piacere di vedere i fondi di investimento che scommettono sulla banca.

L’effetto Obama si è fatto sentire anche nel vecchio continente, con le borse europee che perdono oltre il punto percentuale. Vendite sui titoli del comparto finanza, in scia alla chiusura disatrosa di martedì a Wall Street. Intanto analisti ed addetti ai lavori si sono lanciati in analisi e commenti sull’effetto “negativo”, che ha avuto l’insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti, [p]Barack Obama[/p]. Ma forse è troppo presto dare giudizi, e l’unica cosa che per adesso si può dire è che le borse cercano la stabilità, e reagiscono ai cambiamenti con le vendite.

Giornata da dimenticare per la Svizzera [s]Credit Suisse[/s], secondo la stampa elvetica, il colosso finanziario potrebbe riportare una perdita netta di 6 miliardi di franchi svizzeri, circa 4 miliardi di euro. Stime positive invece per la francese [s]Societe Generale[/s], che potrebbe chiudere il 2008 con un utile positivo di quasi 2 miliardi di euro.

Sul fronte italiano invece continua il caso Governance per UniCredit. Il meeting di martedì si sarebbe infatti concluso con un “nulla di fatto”. La nomina del nuovo Board sembra essere stata posticipata, con scadenza al 12 febbraio, e la decisione sarà presa dalle fondazioni, maggiori azioniste del gruppo. Sembra invece confermato l’ingresso di un azionista che rappresenterà la [a]Central Bank Of Lybia[/a], a discapito di [s]Hvb[/s], che perderà un posto nel consiglio di amministrazione di UniCredit.

Momento d’oro invece per Banca Popolare di Milano, l’istituto guidato da Roberto Mazzotta stà mettendo a segno una serie di “good shots”. L’[a]OPA[/a] su Anima SGR sembrerebbe riuscita, anche se l’operazione si concluderà venerdì 23 gennaio, e BPM al 8 gennaio 2009 aveva comunicato di essere in possesso solo del 60% delle azioni ordinarie della SGR italiana. Altro affare di BPM è la probabile acquisizione di [a]Intesa-TRADE[/a], piattaforma di eBanking del gruppo Intesa Sanpaolo. Una operazione questa, che porterebbe valore aggiunto all’attuale piattaforma on-line di BPM, [a]WeBank[/a]. Per ora i dettagli sull’acquisizione non sono ancora stati resi noti, anche se voci di mercato indicano come imminente la firma del contratto, che costerebbe a BPM circa 40 milioni di euro.
Ma l’attrattività dell’istituto milanese sembra non essere passata in secondo piano, nel consiglio di amministrazione del gruppo sarebbero pronti ad entrare i fondi di investimento, cui fanno capo le grandi realtà finanziarie italiane, Unicredit, IntesaSanPaolo e Monte dei Paschi di Siena. Lato BPM, lo stesso presidente [p]Roberto Mazzotta[/p], ha giudicato come positivo l’ingresso di nuovi investitori.

(Per delle analisi mensili sul BlueIndex e sulle performance dei singoli titoli, clicca qui)

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche borse (xetra) 60,06 EUR -5,62%
American Express Nyse 15,60 USD -8,28%
Anima Borsa Italiana 1,44 EUR -0,07%
Axa Euronext 12,08 USD -3,16%
Azimut Borsa Italiana 3,62 EUR -3,27%
Banca Generali Borsa Italiana 2,93 EUR 0.00%
Bank of NY Mellon Nyse 19.0 USD -17,2%
Barclays Lse 4,16 USD -42,6%
BlackRock Nyse 103,4 USD -11,7%
BNP BNP 23,70 EUR -13,3%
Citigroup Inc Nyse 2,80 USD -20.0%
Credit Agricole Euronext 7,21 EUR -6,97%
Credit Suisse Group Swiss Market Exchange 23,1 CHF -8,30%
Deutsche Bank Deutsche borse (xetra) 17,05 EUR -5,80%
Dexia Euronext 2,57 EUR +1,98%
Fortis Euronext 1,19 EUR -9,84%
FT Inv. Nyse 50,41 USD -8,01%
Goldman Sachs Nyse 59,2 USD -18,9%
Henderson Lse 57.0 GBp -1,72%
HSBC Investments Lse 485 GBp -3,19%
ING Euronext 5,38 EUR -13,4%
IntesaSanpaolo Borsa Italiana 2,28 EUR -4,20%
Invesco Nyse 11,11 USD -10,1%
Janus Capital Group Nyse 5,62 USD -15,1%
Jp Morgan Nyse 18,09 USD -20,7%
Julius Baer Swiss Market Exchange 37,52 CHF -6,20%
Legg Mason Nyse 17,34 USD -17,6%
Man Group Lse 214 GBp -0,34%
Mediobanca Borsa Italiana 7,47 EUR +2,05%
Mediolanum Borsa Italiana 2,98 EUR -0,91%
Morgan Stanley Nyse 13,1 USD -15,9%
Montepaschi Siena Borsa Italiana 1,22 EUR -2,62%
Natixis Euronext 1,02 EUR -11,1%
Nordea bank Omxnordicexchange 41,1 SEK -10,0%
Raiffeisen Wiener Borse 14,3 EUR -3,44%
Schroders Lse 695 GBp -1,97%
Skandia (Old Mutual) Lse 52,5 GBp -3,84%
State Street Nyse 14,89 USD -59,0%
Ubs Swiss Market Exchange 11,81 CHF -6,20%
Unicredit Borsa Italiana 1,34 EUR -7,10%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Blueindex: ottimo finale di settimana per Gam Holding

NEWSLETTER
Iscriviti
X