Banche, manca all'appello 1 trilione di dollari

A
A
A
di Marco Mairate 22 Gennaio 2009 | 15:50
Sconvolgente analisi di Amit Rajpal, manager del fondo fondo hedge, Marshall Wace Global Financials Fund, comparto della omonima società di gestione alternativa britannica.

Secondo l’esperto il settore bancario deve raccogliere ancora molti capitali prima di potere vedere la fine del tunnel (e dei crolli).

Nel bel mezzo della più grane crisi economica dalla Grande Depressione, il sistema bancario mondiale è sotto attacco. Le banche (soprattutto britanniche e statunitensi) stanno registrando forti perdite in Borsa, spinte al ribasso dagli investitori che non si fidano più dei loro bilanci.

Per questo i Governi di mezzo mondo stanno iniettando centinaia di miliardi di dollari nel sistema bancario, ottenendo come contropartita azioni ordinarie: manovra che dovrebbe sostenere la fiducia degli investitori verso questi istituti.

Secondo Bloomberg, i principali gruppi finanziari mondiali hanno raccolto oltre 920 miliardi di dollari di mezzi freschi dall’inizio della crisi: soldi che servono a coprire un buco per un trilione di dollari, accumulato tra svalutazioni e perdite su titoli legati al mercato immobiliare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit: accordo tra Ue e Gran Bretagna può far rimbalzare la sterlina

Creval in rialzo a Piazza Affari, assemblea per rinnovo Cda si avvicina

Risparmio gestito: fondi hedge italiani non sono così speculativi

NEWSLETTER
Iscriviti
X