Nickel sugli scudi in scia alle nuove normative nelle miniere filippine

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Febbraio 2017 | 12:30

Il nickel continua la corsa iniziata a fine gennaio in scia alle pressioni sul lato dell’offerta dopo l’annuncio da parte del Governo delle Filippine dell’ordine di chiudere oltre la metà delle miniere operanti sul territorio a causa dell’imposizione di standard ecologici più severi (anche di quelli applicati in altri grandi paesi produttori quali l’Australia e il Canada).

Dal punto di vista tecnico il metallo è salito fino a testare la trendline ribassista in essere dai massimi di novembre e al momento passante per 10.900 dollari per tonnellata. Un ostacolo oltre il quale i corsi avrebbero la strada spiananta per tornare in area 11.000/11.200 in prima battuta e in seguito proseguire fino a quota 11.400. Per contro, il mancato superamento di 10.900 favorerebbe una flessione con obiettivi a quota 10.000 in prima battuta e successivamente in in area 9.300 dollari.

Per sfruttare un potenziale rialzo del nickel, a Piazza Affari sono disponibilii seguenti Etc: Etfs Nickel, Etfs Eur Daily Hedged Nickel, Etfs 2x Daily Long NickelEtfs 3x Daily Long Nickel.   G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo

Nickel

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, petrolio: a quota 100 l’obiettivo finale del rally in atto

Materie prime: ecco il portafoglio in Etc con un rialzo del 66%

Asset allocation: il caro bollette può far bene al portafoglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X