Da SocGen i primi certificati in leva 3 su singoli titoli

A
A
A
di Finanza Operativa 20 Febbraio 2017 | 15:47

Societe Generale, leader assoluto del segmento dei certificati a leva fissa con una quota di mercato pari a 58% per controvalore e 74% in termini di contratti, rafforza il suo presidio sul segmento ed esordisce con la quotazione dei primi certificati a leva ±3X su singoli titoli. A partire da domani 21 febbraio saranno quotati sul SeDex 10 nuovi certificati targati Societe Generale, long e short, su cinque tra le principali e più liquide azioni italiane: ENI, ENEL, FCA, Telecom e Generali.
La quotazione di questi strumenti segue l’emissione dei primi certificati a leva fissa x2 su singoli titoli avvenuto a settembre 2016, che ha contribuito ad ampliare la platea dei potenziali investitori in questa tipologia di strumenti, prima appannaggio soprattutto di trader e investitori di breve periodo, attratti in particolare dalle leve elevate ±5x e ±7x.
Prendere posizione attraverso questi nuovi certificati a leva fissa, invece che tramite l’investimento diretto sulle azioni, consente:
 

  • di impiegare una minore quantità di capitale grazie alla leva, che triplica il rendimento giornaliero, sia esso positivo o negativo;
  • di applicare la cosiddetta Tobin Tax (Imposta sulle transazioni finanziarie introdotta dalla Legge n.228/2012) prevista per i derivati e non per le azioni;
  • di realizzare strategie di copertura (con i certificati short)
  • di realizzare strategie di trading al rialzo (con gli strumenti long) o al ribasso (con gli strumenti short).

Marcello Chelli, Co-Head Public Distribution di Societe Generale in Italia: “L’introduzione dei certificati a leva fissa x2 su singole azioni ha rappresentato una novità per il SeDeX. SG conferma la volontà di puntare su tale tipologia di certificati quotando anche i primi 10 leva fissa x3 long e short su titoli azionari italiani. Ad oggi i volumi sugli strumenti su singoli titoli rimangono limitati ma in costante crescita e la gamma SG si è assicurata un gradimento del 90% nel 2016

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Certificati, da Intesa Sanpaolo 29 nuovi Cash Collect

Certificati, da Unicredit 14 nuovi Memory Cash Collect Worst Of

Speciale ITForum: un poker d’eccezione per sfruttare al meglio i certificati

NEWSLETTER
Iscriviti
X