Usa, attese decisioni politica monetaria, verbali Fomc, rialzo tassi

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Febbraio 2017 | 12:00

A cura di Alberto Biolzi, Responsabile Advisory di Cassa Lombarda
I mercati azionari continuano a mostrarsi resilienti grazie a un’economia in ripresa a livello globale. Al momento, gli investitori sembrano trascurare le incertezze politiche in Europa, anche se l’approssimarsi degli appuntamenti elettorali suggerisce una certa cautela. Anche l’incertezza politica italiana continuerà a catalizzare l’attenzione, con la questione della scissione del PD e conseguente instabilità politica (elezioni anticipate e/o ingovernabilità). In Germania i sondaggi indicano un sorpasso da parte dei socialisti, trainati dall’effetto Martin Schultz, sul partito della Cancelliera Angela Merkel. Nel Regno Unito, la Camera dei Lord discuterà dell’attivazione dell’articolo 50 del trattato dell’Unione Europea per l’avviamento della Brexit.
La settimana negli Stati Uniti sarà piuttosto interessante. Dopo il lungo week end (ieri le borse erano chiuse per il Presidents’ Day), sono in programma alcuni importanti eventi macro e societari. L’attenzione si concentrerà sui discorsi degli esponenti della Fed e sulla pubblicazione dei verbali dell’ultimo Federal Open Market Committee (FOMC).
Attese nuove indicazioni sulle prossime mosse di politica monetaria. Sempre più probabile un rialzo dei tassi anche per marzo, dopo che gli ultimi dati macroeconomici hanno segnalato un’accelerazione della crescita dell’economia e dell’inflazione. Si cercherà, inoltre, di capire quale sarà l’atteggiamento della Fed sul reinvestimento dei bond che giungeranno a scadenza con riduzione o meno del bilancio della Banca Centrale.
Il calendario macro prevede: Pmi manifatturiero, vendite di case esistenti, indice sulla fiducia dei consumatori elaborato dell’Università del Michigan. Tra le trimestrali da segnalare quelle di Wal-Mart, Home Depot, Medtronic, Macy’s, Tesla e Gap.
In Eurozona, saranno pubblicati gli indici Pmi, le componenti del Pil e l’inflazione oltre agli indicatori di fiducia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borse in stand by in attesa del Fomc

Fed, attesi chiarimenti sull’impatto dell’inflazione “media” sulla politica monetaria

Obiettivo del prossimo meeting Fed? Sviluppare una nuova guidance per il futuro

NEWSLETTER
Iscriviti
X