Eurizon Capital prima in Europa per raccolta sui fondi comuni

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Febbraio 2017 | 13:30

Eurizon Capital, la società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo, specializzata in prodotti per la clientela retail e istituzionale, nel 2016 ha rafforzato la propria posizione, in Italia e all’estero, evidenziando dati positivi in tutti i suoi principali indicatori finanziari. Il patrimonio gestito a fine dicembre raggiunge i 290 miliardi di euro, in aumento di quasi il 9% rispetto a fine 2015, grazie a significativi volumi di raccolta, sia sui prodotti retail che istituzionali. L’utile netto consolidato (compreso l’utile di pertinenza di terzi) è di 368 milioni di euro, derivante da un margine da commissioni di 567 milioni. I flussi netti complessivi nei dodici mesi superano i 18 miliardi di euro – di cui 6 miliardi solo nell’ultimo trimestre – e rappresentano un terzo della raccolta di tutta l’industria italiana, secondo i dati Assogestioni a fine dicembre.

Eurizon Capital spicca in particolare per i flussi sulle gestioni di portafogli istituzionali, con 9 miliardi di entrate nette, e sui fondi comuni aperti, con 12,7 miliardi complessivi. Questi ultimi confluiti principalmente sui fondi flessibili per 7,4 miliardi e sugli obbligazionari per 5,6 miliardi.

Anche sul fronte internazionale si conferma il rafforzamento del brand: Eurizon Capital è prima in Europa per raccolta sui fondi comuni secondo le analisi di Morningstar Direct. In Cina, Penghua chiude l’anno con volumi di raccolta superiori ai 23 miliardi di euro e con un patrimonio di circa 84 miliardi, che portano il perimetro di Eurizon Capital a superare i 370 miliardi di euro complessivi. La presenza in Cina, inoltre, è stata arricchita nell’ultimo trimestre del 2016 con la partecipazione del 20% in Yicai, società di Wealth Management che fa capo al Gruppo Intesa Sanpaolo. Lo scorso 14 dicembre, rafforzando la collaborazione strategica fra Eurizon Capital e la Divisione Banche Estere del Gruppo, è stata perfezionata l’operazione di acquisto da parte della lussemburghese Eurizon Capital S.A. delle quote di VUB AM detenute da VUB Bank e Privredna Banka Zagreb. Eurizon Capital S.A. è divenuta quindi socio unico dell’HUB del Gruppo Intesa Sanpaolo sui Paesi dell’Est Europa che, con una raccolta sull’anno di oltre 220 milioni di euro, a fine 2016 raggiunge un patrimonio di 3,5 miliardi. Inoltre Eurizon SLJ Capital LTD, società londinese operativa dallo scorso luglio, ha chiuso il 2016 con un patrimonio di circa 8,5 miliardi di euro di mandati di gestione e servizi di advisory. Nel 2016 Eurizon Capital ha aperto una nuova branch a Parigi, ha avviato le procedure per una succursale a Francoforte e per il collocamento della propria gamma prodotti in Svizzera. In Spagna, nei Paesi del Nord Europa e in America Latina, in particolare in Cile, è stata rafforzata la presenza del brand, grazie a partnership con distributori locali. Infine, Eurizon Capital ha ottenuto con la sua succursale a Hong Kong le licenze per svolgere l’attività di gestione prevista per il primo semestre 2017.

Agli European CEO Awards, Eurizon Capital è stata premiata come Miglior società di asset management 2016, mentre l’AD Tommaso Corcos è stato indicato quale “Miglior CEO nell’industria dell’asset management 2016”.

Complessivamente, nel 2016 sono stati lanciati 97 nuovi prodotti: 59 fondi di diritto italiano, 31 comparti lussemburghesi e 7 Linee GP. Nuove soluzioni che si rivolgono sia alla clientela istituzionale sia al mondo retail. Infine, sono state attivate le iniziative per il lancio dei piani individuali di risparmio (PIR) rispondenti alla normativa introdotta dalla Legge di Bilancio, che permetteranno di canalizzare risorse stabili verso le realtà produttive italiane, soprattutto medio-piccole, offrendo nel contempo agli investitori l’opportunità di beneficiare di significativi risparmi fiscali.

“Il 2016 – afferma Tommaso Corcos, Amministratore Delegato di Eurizon Capital – è stato un anno di risultati importanti. Grazie alla collaborazione delle reti dei collocatori e all’intenso lavoro svolto dalla squadra di Eurizon Capital – in Italia e all’estero – abbiamo confermato la capacità di competere e crescere in ambito internazionale. Nei dodici mesi trascorsi abbiamo raggiunto un livello record di patrimonio e lanciato il maggior numero di prodotti nella storia della società.” Aggiunge: “intendiamo continuare a potenziare i presidi sui mercati che riteniamo strategici, per essere vicini ai nostri clienti in ambito internazionale con un’offerta in continua evoluzione per creare valore per gli investitori. In particolare, con le soluzioni PIR compliant, oltre ad apportare beneficio ai risparmiatori daremo supporto al tessuto industriale italiano, a conferma del nostro ruolo a sostegno dell’economia reale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Corcos (Fideuram), un appello per gli over 40

Eurizon, Corcos: rendimenti a doppia cifra per i nostri clienti

Corcos (Assogestioni): “Rimettere mano rapidamente alla disciplina dei Pir da poco modificata”

NEWSLETTER
Iscriviti
X