Petrolio sotto tono, le tensioni Usa-Iran rafforzano il dollaro

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi6 febbraio 2017 | 15:48

PETROLIO IN CALO – Petrolio che scivola nuovamente sotto i  54 dollari al barile al Nymex, con il future sul Wti texano che passa di mano a 53,72 dollari al barile al momento (11 centesimi meno dell’ultimo fixing) dopo che già venerdì il dato più forte del previsto delle scorte petrolifere statunitensi aveva indebolito nuovamente le quotazioni del greggio nonostante i tagli concordati dall’Opec e da paesi non-Opec come la Russia siano operativi dal primo gennaio.

ORO NERO SOFFRE DOLLARO E TENSIONI USA-IRAN – In ribasso anche il Brent del Mare del Nord che a Londra oscilla sui 56,56 dollari al barile, un quarto di dollaro meno della chiusura di venerdì scorso. A pesare sull’oro nero è anche una certa incertezza del dollaro, che oggi tira il fiato cedendo lo 0,3% contro le principali valute mondiali, ma che resta vicino ai livelli record visti nelle ultime settimane anche a causa della nuovamente montante tensione tra Stati Uniti e Iran dopo la decisione di Donald Trump di tornare ad applicare sanzioni al paese medio orientale accusato di non rispettare gli impegni presi in tema di programmi missilistici.

ENI E TENARIS IN ROSSO, SAIPEM PROVA A RESISTERE – Secondo alcuni analisti la debolezza del petrolio conseguente la tensione che torna a salire sui mercati potrebbe portare l’oro nero ad oscillare per alcune settimane tra i 57 e i 54 dollari al barile, livelli sopra e sotto i quali sarebbe opportuno prendere profitto ovvero tornare ad effettuare acquisti. Di riflesso Eni torna a cedere l’1,65% a Piazza Affari (dove dopo una mattinata prudente gli indici perdono oltre l’1,5%), con Saipem che tenta di confermarsi sui livelli di venerdì e Tenaris che oscilla a -1,23%.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dollaro, c’è da scommetterci

Monete, il ruggito del dollaro fa crollare l’euro

Banca Imi, tris di bond in dollari e rubli

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Ubs Wealth Management neutrale sull’euro/dollaro

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Dollaro a picco dopo ennesimo schiaffo a Trump da parte del Congresso

Borse avanti piano, la Yellen indebolisce il dollaro

Banche centrali valutano ritorno alla normalità, bond e dollaro in calo

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

Credit Suisse quota obbligazioni in dollari sul Mot

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Euro/dollaro verso la parità secondo Deutsche Bank

Wall Street frenata dai dati del mercato del lavoro

La Fed non tocca i tassi, lascia aperta possibilità rialzo in autunno

A New York l’ottimismo torna a prevalere

Il dollaro può far cadere il prezzo del petrolio

A settembre la Fed portebbe alzare i tassi di uno 0,25%

L’oro potrebbe calare sotto i mille dollari l’oncia

La Fed vede la ripresa ancora fragile, aspetterà ad alzare i tassi

Ci mancavano solo le voci sul dollaro per fiaccare le borse europee

Usa: Pil cala meno del temuto nel I trimestre

Pochi scambi, molte incertezze, risultato: euro in calo

Tokyo vola sui massimi a 15 anni, grazie al dollaro

L’euro non attira le banche centrali

Euro al tappeto contro dollaro dopo le parole di Draghi

Tassi: la Fed potrebbe prendere ancora tempo

Wall Street apre in ripresa, il dollaro rallenta

New York alla finestra, guarda a Bce e Russia

Wall Street indietreggia dopo i dati macro, vola il dollaro

Ti può anche interessare

Banca Popolare del Mediterraneo, accordo con Asfalia per le assicurazioni

L’istituto di credito campano Banca Popolare del Mediterraneo e Asfalia Prime Broker, broker a ...

Btp, scorpacciata giapponese

Dal Paese del Sol Levante si guarda con interesse ai titoli di stato italiani. In base a quanto ripo ...

Italia graziata, lo spread ringrazia

E anche per questa volta l’Italia è stata graziata. Non ci sarà nessuna procedura d’infr ...