Investitori in fondi attratti da oro e bond

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Marzo 2017 | 16:30

A cura di Sara Silano, Morningstar
Nel 2016, gli investitori in fondi a livello mondiale hanno scelto le attività finanziarie meno rischiose, in un contesto reso incerto dagli eventi politici e da una crescita che rimane debole. Secondo il Morningstar global asset flow report, la raccolta globale è stata pari a 728 miliardi di dollari, in calo rispetto ai mille miliardi del 2015 e, a differenza dai precedenti due anni, i flussi si sono diretti soprattutto verso i fondi obbligazionari (+412 miliardi) e monetari (196 miliardi) a discapito degli azionari (-33 miliardi), nonostante il positivo andamento delle Borse (tutti i dati includono fondi ed Etf).
Rifugio d’oro
Il clima di incertezza ha portato molti investitori a cercare rifugio nei prodotti specializzati sui metalli preziosi, in particolare l’oro. La categoria Commodity, infatti, ha registrato il più alto tasso di crescita nel 2016: l’organic growth rate, che misura i flussi in percentuale degli asset iniziali, è stato del 25,7%. E’ significativo anche l’incremento del reddito fisso (+6,9%), considerato che questa attività finanziaria è in una fase di maturità del suo ciclo di sviluppo, avendo un patrimonio globale di oltre 6.600 miliardi, secondo solo agli azionari.
2016 flussi per tipologie
 
Differenze regionali
I dati generali, tuttavia, celano particolarità locali. Ad esempio, in Asia e in Canada la raccolta dei prodotti specializzati sulle Borse è stata positiva, a differenza delle altre regioni. Bilanciati ed alternativi sono, invece, tra i preferiti in Europa e i fondi immobiliari negli Stati Uniti.
Differenze regionali
A livello geografico, l’industria mondiale dei fondi si è mossa a più velocità. I “giovani” mercati emergenti (Asia, Africa e America latina) hanno segnato i tassi di crescita maggiori. Gli Stati Uniti hanno attratto più flussi rispetto al 2015 (288 contro 260 miliardi di dollari), mentre l’Europa ha visto ridursi la raccolta netta (da 184 a 103 miliardi). Ancora più significativa (da 314 a 138) è stata la contrazione per i fondi cross-border, ossia quelli domiciliati nei cosiddetti paradisi fiscali, principalmente il Lussemburgo e l’Irlanda, che hanno il Vecchio continente e l’Asia come maggiori mercati di sbocco.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pronti, Recovery, via. Le nuove obbligazioni governative sotto la lente

Mercati, decennale Usa atteso sopra il 2%

Fondi, da State Street tre nuovi comparti Sustainable Climate Bond

NEWSLETTER
Iscriviti
X