Enertronica, azione e warrant: due occasioni?

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Marzo 2017 | 19:30

Il 2016 di Enertronica è stato negativo, con i principali dati di bilancio in calo (ricavi scesi da 108 a 90 milioni, ebitda da 7,9 a 5,3 milioni, utile netto da 3,7 a 2,5 milioni), ma le prospettive della società rimangono positive. Il piano industriale 2017-2021 presentato oggi evidenzia un target di 117 milioni di fatturato per quest’anno, con 13 di ebitda e 7 di utile netto. Il tutto a fronte di una market cap che si ferma a 15 milioni di euro. E il 2017 potrebbe anche essere l’anno del primo dividendo per il gruppo laziale, la cui strategia si basa su quattro pilastri: energie rinnovabili (consolidamento Epc e crescita Ipp), smart utility (Esco, crescita del mercato industriale e uscita da quello retail), industria (grazie al consolidamento di Elettronica Santerno) e O&M (per rinnovabili, industriale e servizi informatici).
Stando ai target societari il gruppo varrebbe così solamente poco più di 2 volte i profitti attesi per quest’anno…
Ancora più interessante, ma anche più speculativo e abbastanza illiquido, potrebbe così essere il warrant Enertronica che scade nel 2018: a poco meno di 0,8 euro costa meno di un quarto rispetto all’azione, è “in the money” (la conversione è fissata a 2,60 euro) e quindi anche a sconto sul titolo.
Senza contare che una crescita borsistica della società potrebbe poi portare al passaggio al mercato principale di Borsa Italiana: l’Ad Vito Nardi ha indicato infatti un target di 40 milioni di market cap per fare il salto all’Mta.  M.M.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Aim Investor Day 2017, ecco le aziende premiate

Enertronica chiude l’acquisizione del 51% di Elettronica Santerno

Enertronica acquisisce un secondo campo fotovoltaico da 6 MW in Namibia

NEWSLETTER
Iscriviti
X