Titoli azionari europei: acquistare prima dello “Squeeze”

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Aprile 2017 | 14:30

A cura di Geoffroy Goenen, Head of European Equities, Candriam Investors Group

Gli investitori globali si sono tenuti ai margini dell’Europa a lungo; negli ultimi tre anni il mercato europeo ha accumulato un gap pari quasi al 30% rispetto agli Stati Uniti. Nel 2016 oltre 100 miliardi sono stati disinvestiti dai fondi azionari europei.

Flussi Europei fondi azionari

Ciò è attribuibile all’attrattiva che gli Stati Uniti hanno presentato negli ultimi anni e al malfunzionamento del progetto europeo. Il panorama politico della regione è complesso, se non incomprensibile, per un non europeo. Sebbene gli investitori globali temano una paralisi politica o economica dell’Europa, noi riteniamo che le elezioni del 2017 e la Brexit costituiscano l’opportunità per un nuovo slancio verso una maggiore integrazione, minori interferenze centrifughe e infine una migliore operatività politica.

Per questo motivo siamo convinti che, in seguito alle elezioni, gli investitori globali ritorneranno massicciamente sulla regione, che pensiamo appaia storicamente interessante. I nostri principali argomenti si fondano su tre parole chiave: Sentiment – Fondamentali – Squeeze.

Ism Usa Pmi Emu

Sentiment

Gli indici PMI europei su servizi e industria, a livello regionale e (relativamente a Francia e Germania) nazionale, sono a favore dei titoli azionari europei. I flussi di notizie sono estremamente positivi: creazione di posti di lavoro, accelerazione della crescita e anche – fenomeno impensabile fino a due anni fa – un ritorno alla normalità dell’inflazione.

L’indice ISM USA si è oggi discostato nettamente dal trend della crescita economica; l’indicatore dovrà convergere meccanicamente – al ribasso – verso il PIL; gli indicatori europei, al contrario, sono molto più aderenti alla realtà economica.

Il sentiment attuale degli investitori sull’amministrazione Trump presenta rischi di delusione a seguito dei negoziati con il Congresso e dei ritardi che ne deriveranno nella realizzazione delle promesse elettorali.

Fondamentali

Attualmente le fonti della crescita degli utili societari sono diverse, in funzione della loro provenienza, se in Europa o negli Stati Uniti. L’aumento degli EPS negli USA è in gran parte il frutto di uno sforzo di riduzione dei costi e dei programmi di riacquisto delle azioni; al contrario il momentum in Europa deriva dal dinamismo della crescita del fatturato delle aziende.

Inoltre, i PE adeguati al ciclo indicano che l’Europa è particolarmente conveniente rispetto agli Stati Uniti. Dal punto di vista della valutazione, l’attuale divario tra le valutazioni USA ed europee ha fatto segnare il livello massimo degli ultimi decenni, e ciò a favore dell’Europa. L’Europa non è mai stata così conveniente rispetto agli USA.

Us Eu P-E

Squeeze

Gli investitori globali sono attualmente sottoinvestiti in Europa. Inoltre, i volumi europei sono significativamente inferiori rispetto al passato. Il probabile ritorno massiccio degli investitori con l’avvicinarsi delle elezioni francesi e la scarsa liquidità dovrebbero creare un “effetto squeeze” che amplificherà di conseguenza i potenziali di rialzo delle azioni europee.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Portafogli Usa di Finanza Operativa resilienti e performance fino al +76%

S&P 500 al top e i Portafogli Usa di Finanza Operativa sfiorano il +80%

Borse in rally ma in fase di rotazione settoriale

NEWSLETTER
Iscriviti
X