Cina, azioni prossimo a una correzione?

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Aprile 2017 | 17:00

A cura di Wings Partners Sim

Nel fine settimana i dati sul manifatturiero cinese non sono stati all’altezza delle aspettative: l’indice PMI redatto da Markit-Caixin è infatti sceso (in contrasto rispetto alla rilevazione ufficiale) a 51,2, rispetto al 51,7 di febbraio. Nel contempo la People’s Bank of China ha ufficializzato l’innalzamento degli interessi per i prestiti overnight di 20 bps al 3,3%, dallo scorso 20 marzo, aggiungendo che sono stati iniettati nel sistema finanziario 122 miliardi di yuan lo scorso mese, per evitare crisi di liquidità e compensare gli effetti restrittivi di un rialzo dei tassi.

Nel sistema finanziario cinese continua a diffondersi invece uno stato di diffidenza, derivante da un incremento dei default su bond locali da parte di aziende private: da inizio anno sono già stati annunciati default su nove bond (da sette compagnie), contro i 29 dell’intero 2016, un numero ancora lontano da una situazione di crisi ma confermando segnali di stress che potrebbe aggravarsi nel tempo. Infatti sempre più compagnie sono in difficoltà e non riescono più a finanziarsi portando a problematiche di flussi di cassa, in una situazione che dovrebbe portare ad una progressi-va diffusione, specie se i tassi d’inte-resse continuassero a salire.

Cresce pertanto il numero di gestori di fondi a ritenere che l’azionario asiatico sia destinato a stornare nei prossimi mesi, dopo un rialzo pros-simo al 9% nel primo trimestre dell’MSCI Asia Pacific Index.
Intanto per la settimana l’evento più atteso è l’incontro tra Donald Trump e Xi Jinping, che si sono dati appuntamento in Florida il 6-7 aprile, che il Presidente statunitense ha detto sarà “uno difficile”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, il focus sull’azionario Usa di Moneyfarm

Asset allocation: azionario europa vs Usa, i quattro punti da considerare

Investimenti: occhio allo scatto azionario

NEWSLETTER
Iscriviti
X